Tutor 33195 punti

Strage di Piazza Fontana, 12 dicembre 1969


Strage di Piazza Fontana a Milano

L'attentato di Piazza Fontana fu uno dei più sanguinosi della storia della Repubblica italiana. L'attentato si verificò nel centro di Milano segnò l'inizio di uno dei periodi più sanguinosi nel nostro Paese e definito come strategia della tensione.
Alle 16,37 una bomba esplose nel centro della città, nella nota Piazza Fontana. Fu colpita la Banca Nazionale dell'Agricoltura e rimasero vittime dell'attentato all'interno dell'edificio ben 17 persone, mentre i feriti furono 81. Una seconda bomba invece rimase inesplosa in Piazza della Scala, presso la sede della Banca Commerciale italiana. Nello stesso giorno una terza bomba esplose a Roma intorno alle 17 in un passaggio sotterraneo del centro della città, ferendo 13 persone. Altre due bombe esplosero tra le 17, 20 e le 17,30 nel centro di Roma, ferendo 4 persone.

Vennero fatte nel corso degli anni varie indagini per trovare i colpevoli. Furono incolpati della strage di Milano vari anarchici e esponenti della destra. Però nei vari processi gli imputati venivano sempre assolti. Nel 2005 la Corte di Cassazione sottolineò che la strage fu commessa da Ordine Nuovo, gruppo di Padova, i cui capi erano Franco Freda e Giovanni Ventura, i quali non poterono essere sottoposti a processo, perché già assolti in precedenza dalla Corte d'assise di Bari.

Fu incolpato della tragedia di Piazza Fontana anche l'anarchico Giuseppe Pinelli. Egli fu trattenuto presso la questura di Milano per degli accertamenti circa il suo legame con i tragici eventi accaduti in quel 12 dicembre di inaudita violenza. Egli morì tre giorni dopo, dopo essere precipitato dalla finestra della questura. La sua morte sospetta a causa di un malore convinse varie persone del fatto che l'uomo fosse implicato nella strage. Molti però pensavano che il Pinelli fosse stato ucciso, affermando che le indagini non avvennero in modo completamente trasparente. La sentenza del 1975 però escluse la morte del Pinelli per omicidio, confermando la morte per malore. Inoltre il coinvolgimento del Pinelli nella vicenda di Piazza Fontana si dimostrò sbagliato, in quanto l'uomo aveva un alibi attendibile.

Esistono vari video che fanno vedere lo svolgimento degli eventi di Piazza Fontana. Qui alcune immagini di repertorio dell'attentato bomba:

Anche La Storia siamo noi di Giovanni Minoli e Blunotte di Lucarelli hanno trasmesso nel corso degli anni dei documentari sull'attentato.

Nel 2012 il regista Marco Tullio Giordana ha realizzato un film dedicato all'attentato di Piazza Fontana, Romanzo di una strage. Nel film vengono descritti i tragici eventi di quella giornata e la misteriosa morte di Giuseppe Pinelli, avvenuta presso la questura milanese.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email