Genius 5605 punti

La presidenza Kennedy

Negli Stati uniti le elezioni del 1960 furono vinte dal giovane democratico John Fitzgerald Kennedy. Kennedy fece poco perché venne assassinato nel 1963, trovandosi a dover fronteggiare un Congresso particolarmente ostile ai suoi progetti. Kennedy segnò comunque una svolta, riprese lo stile di Roosevelt. La "New Frontier" era il motto politico di Kennedy, il quale invitava gli Stati Uniti a ritrovare un nuovo spirito di intraprendenza che li aveva caratterizzati nel passato. Kennedy era giovane, bello, elegante, ricchissimo e molto brillante. Ebbe molte amanti, tra cui la più celebre fu Marylin Monroe. L’idea di Kennedy era quella di intervenire per tutelare i diritti dei neri e per dare il pieno sostegno a Martin Luther King e alle iniziative dei movimenti a difesa dei neri. In politica estera il Presidente americano tentò di continuare il dialogo con l’Unione Sovietica. Il maggior successo di Kennedy fu l’aver evitato lo scoppio della guerra in seguito alla crisi dei missili di Cuba.

Sotto Kennedy iniziò l’invio degli armamenti a sostegno del Vietnam del sud. In Vietnam si era creata una situazione simile a quella della Corea. Il Vietnam era una colonia francese e i giapponesi avevano conquistato la parte settentrionale del Paese. I francesi non erano riusciti a scacciare la minaccia giapponese, alla quale si era affiancata anche l’Unione Sovietica. Nel 1956 i francesi si erano visti costretti ad abbandonare il Paese e il Vietnam del nord finì sotto il controllo dei comunisti, mentre nel Vietnam del sud arrivarono gli americani che crearono un regime anticomunista. Nel Vietnam del sud, con l’appoggio del Vietnam del nord e dell’unione Sovietica, si era creato il movimento guerrigliero dei Viet Cong che attuarono una guerriglia sempre più efficace contro il regime dittatoriale filooccidentale. Kennedy allora aveva inviato i primi aiuti in Vietnam.
Vi furono sospetti in merito a degli accordi con la mafia italo-americana che garantirono a Kennedy dei voti e che furono forse anche alla base del suo assassinio. Sotto la presidenza Kennedy iniziò ad aumentare il debito pubblico. Venne creato il corpo della pace, un corpo di volontari che venivano mandati nei Paesi del Terzo mondo per assistere le popolazioni per un certo periodo, mentre poi il governo statunitense sosteneva diverse dittature. La presidenza Kennedy fu certamente un grande successo d’immagine in tutto il mondo, ma ebbe diverse contraddizioni e anomalie. Il suo grande merito fu quello di aver ridato fiducia agli americani. Il 22 novembre 1963 durante la visita a Dallas, il Presidente venne assassinato con tre colpi alla testa.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove