Video appunto: Rottura della grande alleanza
Tra il 1946 e il 1947 la situazione precipita inizialmente con discorsi contrari alle iniviative dei “nemici”, fino a quando nel 1947 la Gran Bretagna annuncia che per le sue difficoltà finanziare deve sospendere gli aiuti ai governi greco e turco e Truman si offre di sostituirlo, dichiarando che gli USA difenderanno i popoli liberi.
Inizia così la guerra fredda con la Russia, anche se non si arriverà mai all'uso delle armi. Il presidente degli USA si assicura l'egemonia sull'area egeo-caucasica aiutando turchi e greci e i partiti comunisti della Francia, Italia e Belgio sono esclusi dal governo. Negli stessi anni l'URSS lega con sé alcuni Stati orientali che diventeranno i suoi Stati satelliti tra cui: Bulgaria, Polonia, Romania, Ungheria e Cecoslovacchia.
Nel suo disegno anticomunista, Truman pensa di rafforzare i rapporti con i Paesi dell'Europa occidentale, lanciando un programma di aiuti finanziari chiamati ERP. L'interno è funzionale in quanto il sistema produttivo e finanziario americano teme che il mercato europeo non sia in grado di assorbire le eccedenze industriali, agricole e di capitali che gli USA si stanno accumulando. Stalin approfitterebbe degli aiuti, ma non è disposto a conformarsi alla clausola dell'integrazione tra le politiche economiche degli Stati beneficiari. L'URSS rinuncia al Piano Marshall e costringe i propri alleati a fare altrettanto. L'ERP presta circa 13 miliardi di dollari durante tutto il 1952. Le nazioni che li ottengono devono impegnarsi a investire in capitali equivalenti nella realizzazione di piani il cui indirizzo può essere condizionato da Washington. La risposta di Stalin non si fa attendere e crea l'Ufficio d'informazione dei partiti comunisti, il Cominform cui aderiscono tutti i Paesi satelliti e anche quello francese e italiano. La presenza americana in Europa occidentale va assumendo anche una veste militare. Nasce il Patto Atlantico tra USA, Canada, Francia, UK, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Danimarca, Norvegia, Islanda, Italia e Portogallo. Il principio su cui si basa è su una struttura militare integrata, la NATO. Se un Paese alleato attacca un altro Paese alleato, si ritroverà tutta la NATO contro.