Nel 1890 legge Sherman Act, inapplicata.

Movimento sindacale contro lo strapotere padronale:
Nel 1886 l'organizzazione sindacale dei lavoratori (AFL) fondata da un operaio ebreo (fabbrica di sigari) Gaupers.

Teodoro Roosevelt

Questo sviluppo economico, selvaggio perché privo di freni politici, sostenuto dal potere federale.
Fino al 1914 Repubblica, presidente repubblicano. (1900-1908)
Senza contrastare il potere dei grandi Trusts riuscì ad introdurre misure di legislazione sociale a favore dei lavoratori industriali.
1914-1920 Wilson: presidente del partito democratico, cerco di correggere l'indirizzo della politica economica americana:
-era contrario alla forte "protezione doganale", dovuta anche al fatto che il mercato americano fosse autosufficiente.
-ma al tempo stesso l'America non poteva fare a meno di presentarsi sulla scena del mondo perché per Wilson asseriva che solo la libera concorrenza porta ad una migliore efficienza, indipendenza americana,

-i piani di Wilson vennero condizionati dai dalle circostanze, il sopraggiungere della guerra.
Si presentò sul mercato europeo con prodotti industriali e agricoli, (questi erano gli interessi economici e delle finanze) quando la domanda eccedeva l'offerta, non c'era concorrenza.
Alla fine della guerra, venne rinnegato Wilson e le sue teorie, e ci fu di nuovo l'isolazionismo.
Ma ormai i suoi capitali finanziari sotto forma di prestiti e investimenti erano presenti in ogni parte del mondo.

Wall street: borsa di NY

Dopo il 1918 sostituì Londra come sede principale del mercato finanziario internazionale.
Dal 1920 al 1932: seguito di presidenti repubblicani, venne inasprito il protezionismo, altri paesi adottarono misure di ritorsione, venne ostacolata la libera circolazione delle merci, più difficile la vendita, e i consumi, tutto questo dopo la guerra quando per facilitare la ripresa industriale dell'Europa bisognava stimolare la produzione.
In più la politica dei presidenti influì maggiormente a dare mano libera all'iniziativa privata, minore intervento e controllo sull'economia del potere federale, e contemporaneamente riducendo le tasse, così aumentavano le risorse finanziarie nelle mani dei privati che portava ad una maggiore corsa ai consumi.

Un capitalismo selvaggio si accompagno alla caduta della tensione ideale di Wilson.

Corsa ai consumi: prevalse ora in marcia un desiderio di evasione, liberalizzazione dei consumi, corsa ai consumi.

Difficoltà nel l'agricoltura

Settore che non segue l'andamento dell'industria, perché produce più di quanto il mercato interno riuscisse ad assorbire ne le sue eccedenze trovavano sbocchi sul mercato straniero per lo più le ritorsioni contro il protezionismo americano.

Il prezzo dei prodotti agricoli tendeva gradualmente a diminuire, venivano minacciate le condizioni di vita dei ceti rurali.

Restrizioni all'immigrazione

Requisiti, non essere analfabeti, e poi esistevano le "quote" cioè i limiti per ciascuna nazionalità.
Ci furono anche delle reazioni isteriche per la minaccia del comunismo, forme di intolleranza varie.
1915 nuovo Ku Klux Klan più radicale, contro i Negri, ebrei e minoranze religiose, e chiunque sospettato di idee socialiste.

Il processo Sacco-Vanzetti

1920 accusati di omicidio, senza prove certe, vennero condannati a morte nel 1927.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email