Mandela

Nelson Mandela fu un uomo politico sudafricano nato a Mvezo, Transkei, il 18 luglio 1918. Mandela visse durante la seconda guerra mondiale e il periodo dell’ Apartheid . Nelson fu il figlio di un capo della tribù Thembu, si laureò in lettere all’università del Sudafrica nel 1942 e l’anno successivo iniziò gli studi legali all’università del Witwatersrand. Nel 1944 aderì all’ African National Congress ( ANC ).
Fu incarcerato per la prima volta nel dicembre del 1952 per aver organizzato una campagna di disobbedienza civile; subì un breve periodo di allontanamento, quindi nel 1953 aprì con Oliver Tambo uno studio legale a Johannesburg, impegnandosi nella difesa dei diritti dei neri sottoposti al regime dell’ Apartheid.

Si definisce Apartheid la segregazione razziale tra bianchi e neri per quanto riguarda l’accesso a cariche pubbliche, professioni, scuole, luoghi di ritrovo, quartieri, con l’obiettivo di mantenere la supremazia della razza bianca.

Riassunto su Nelson Mandela


Nel 1956 fu arrestato una seconda volta per aver promosso degli scioperi e nel 1958 divorziò dalla prima moglie, Evelyn Ntoko Mase e sposò Winnie Nomzamo, un’assistente sociale. Nel 1960, Mandela si pronunciò per la lotta armata contro il regime Sudafricano ed entrò in clandestinità: nel 1961 diede vita all’Umkhonto we sizwe (Lancia della nazione), il braccio militare dell’ANC, che mirava al rovesciamento del governo razzista attraverso sabotaggi e attentati. Nell’ agosto del 1962 fu arrestato e condannato a cinque anni di carcere per incitamento allo sciopero e per essere uscito dal paese senza passaporto; alcuni mesi dopo, il ritrovamento di documenti dell’ANC in cui erano presentati i piani per diffondere la guerriglia nel paese, permise alle autorità sudafricane di processarlo di alto tradimento e condannarlo all’ergastolo il 12 giugno 1964.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email