lasorky di lasorky
Ominide 245 punti

Il progetto politico di Mussolini


In Italia la crisi dello stato liberale generò un nuovo sistema politico. Nell’ottobre del 1922 prese il potere un movimento che voleva farsi artefice di una rivoluzione politica caratterizzata da un protagonismo delle classi medie: il fascismo. Mussolini ne fu l’artefice principale. Ex socialista alla vigilia della guerra, era diventato interventista e perciò espulso dal partito..
nel 1919 fondò i fasci di combattimento, un’organizzazione che puntava a:

La rifondazione della nazione
Rovesciamento dei partiti borghesi tradizionali
Lotta contro i bolscevichi
Fare dell’Italia una grande potenza

L’Italia industriale nel dopoguerra


La guerra accelerò l’industrializzazione italiana con la crescita della grande industria e lo sviluppo di nuove imprese. Si aggiunse la concentrazione del sistema industriale, con la formazione di grandi gruppi monopolistici. Si profilò così dal capitalismo di matrice liberale a un capitalismo monopolistico. La guerra aveva anche accentuato il dualismo dell’economia italiana: le risorse pubbliche vennero destinate principalmente alle grandi imprese del cosiddetto triangolo industriale mentre il Mezzogiorno rimase sottosviluppato.

Il biennio rosso


Al termine della guerra l’Italia ebbe un notevole cambiamento sia livello economico che sociale: tra il 1919 e il 1920 ci fu uno dei più intensi cicli di lotta sociale.

I contadini del sud occuparono le terre dei latifondisti
I braccianti del nord sottrassero agli agrari il controllo del mercato del lavoro
Gli operai riuscirono riuscirono ad estendere i propri diritti difendendo il potere d’acquisto dei loro salari

La mobilitazione fu diretta prevalentemente dal partito socialista e dalla confederazione generale del lavoro mentre nelle campagne anche il movimento cattolico fu partecipe.

Alle elezioni politiche del novembre del 1919, le prime del dopoguerra, ottennero grande successo il Partito socialista e il Partito Popolare, il nuovo partito cattolico fondato da luigi Sturzo.

L’ordine nuovo


La mobilitazione del proletariato culminò nell’occupazione delle fabbriche settentrionali nel settembre del 1920 quando vennero occupati vari stabilimenti dell’Alfa Romeo per rispondere alla serrata (la chiusura ai dipendenti). L’epicentro dell’occupazione fu Torino. Qui nasce il gruppo politico “Ordine nuovo” tra i cui esponenti Togliatti, per esempio, che nel 1921 darà vita al Partito Comunista italiano. Gruppo che si rifaceva al modello di Lenin in Russia.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email