Ominide 164 punti

Primo dopoguerra in Europa

Biennio Rosso 1919-1920
Interpretazione storiografica recente. Gli storici hanno notato che in questi due anni c'è stato un tentativo di avanzamento in Europa Occidentale e America di partiti socialisti e forze legate alla masse popolari più deboli. Ci fu una grande conflittualità sindacale, per gli interessi dei ceti meno abbienti. Il socialismo fu comunque sconfitto.

In Europa l'avanzata fu sconfitta perché tutti i governi si mobilitarono in maniera quasi repressiva. In Francia e in Inghilterra l'avanzata fu fermata grazie al fatto che questi due stati uscirono vincitrici dal primo conflitto mondiale. Riuscirono a contenere le richieste socialiste.
In Italia ci furono degli scontri violenti, che videro scontrarsi rossi e neri.
In Germania , ci fu l’insurrezione comunista della comune di Berlino (Lega di Spartaco), ma questo tentativo di rivoluzione comunista fu represso nel sangue nel giro di una settimana.

In Baviera venne proclamata la repubblica sovietica nell'Aprile 1919. Anche questa venne repressa violentemente il mese successivo.
In Ungheria, Bela Kuhn tentò di instaurare un regime comunista, tuttavia venne sconfitto e fu instaurato un regime autoritario.

Durante questi anni mutarono gli equilibri mondiali: da una parte USA e Giappone diventavano sati egemoni scalzando l’Europa, dall’altra iniziò la decolonizzazione di Cina, Egitto e India. In questi stati era infatti nati movimenti nazionalistici, che avanzavano richieste di indipendenza.

Europa
Ci fu un'epidemia d'influenza che mise in ginocchio la popolazione nel 1919, aggravata dal fatto che la popolazione usciva da un lungo periodo di denutrizione che aveva determinato una scarsa difesa immunitaria. C'era anche un periodo di carestia.
Ci furono inoltre delle conseguenze economiche che interessarono tutte le nazioni:
• Aumentò la disoccupazione, perché era altamente difficile reinserire i reduci di guerra nel mondo del lavoro.
• Le fabbriche che producevano strumenti bellici smisero di lavorare. Ci volle molto tempo di trasformare fabbriche di guerra in fabbriche di pace.
• Aumentò l'inflazione; tutte le merci subirono rincari e ciò ebbe conseguenze sui ceti meno abbienti.
• Andava poi risanato il bilancio statale.

Molti stati adottarono delle misure per risolvere questa crisi socio-economica:
• Reintroduzione del protezionismo ottocentesco con barriere doganali. (Durante la II Rivoluzione Industriale c'era stata una crisi economica importante, che aveva portato all'abbandono del liberismo. Successivamente con il sistema delle alleanza, le barriere erano state abbattute.) Nel 1919 vengono reintrodotte quindi queste regole protezionistiche. Non si parla più di libero commercio.

• Tutto quello che riguarda le spese pubbliche venne tagliato, con grandi ripercussioni sulla popolazione.
• Vengono prodotti in eccesso liquidi monetari, rispetto alla riserve auree, che aggravano ancora di più l'inflazione.
• Aumentarono il prelievo fiscale.
• Venne introdotta la Stretta creditizia: le banche diminuiscono i prestiti agli artigiani o aumentano i tassi di interesse. Questo determina la chiusura di molte piccole-medie aziende.
• Ricorso al credito internazionale che prevede prestiti a lungo termine, soprattutto da parte degli Stati Uniti.

Conseguenze economiche
• disoccupazione
• il ceto a reddito fisso è al limite della sussistenza
• i grandi proprietari terrieri e commercianti invece riuscirono ad approfittare della congiuntura.

Conseguenze politiche
In tutta Europa e anche negli Stati Uniti nacquero tendenze politiche autoritarie. C'era stata una certa apertura alle masse, che venne bloccata pressoché dappertutto dal 1919. Venne mantenuta e rafforzata la struttura centralizzata dello stato. Di fatto la subordinazione all’esecutivo di guerra non venne abbandonato, soprattutto dove c'era timore per l'avanzata comunista.

Teorie keynesiane
Keyns era quello che aveva definito la pace di Versailles come un pace cartaginese, che avrebbe determinato col tempo degli scompensi economici. Secondo lui la pace di Versailles non comprendeva gli accorgimenti migliori per una situazione pacifica e di collaborazione.
Egli propose altre teorie che non vennero però prese in considerazione. I contenuti riguardavano le conseguenze della pace e la critica alla pace di Versailles.
Egli prevedeva di creare nuove nazioni cuscinetto, tra quelli che mancavano di autonomia economica, quali Polonia, Cecoslovacchia, Austria, Ungheria, Jugoslavia.

Si voleva così punire la Germania e isolare la Russia.
Sosteneva inoltre che occorreva liberalizzare i commerci per la ripresa economica in tutta Europa.
Per lui per garantire la pace bisognava creare in Europa strutture comunitarie, per scongiurare possibili guerre e risolvere problemi di interesse economico. Le sue idee erano all'avanguardia, ma vennero attuate solo dopo la seconda guerra mondiale.

Trasformazioni socio-culturali
La guerra ebbe pesanti ripercussioni in ambito sociale e culturale.
Venne disgregata infatti la struttura della famiglia praticarle, tipica delle campagne. Molte donne persero infatti mariti, padri e fratelli, inoltre gran parte di esse si trovarono impieghi in fabbrica mentre altre trovarono benefici economici con nuovi compagni. Tutto ciò provocò il tramonto dei valori tradizionali.
Si creò contemporaneamente una maggiore coscienza politica. Tutte le masse uscirono dalla guerra con la consapevolezza di aver dato un grande contributo di sangue al loro paese, iniziando quindi a pretendere molto da loro paese.
Si crea una grande ostilità verso i partiti tradizionali in attesa di un nuovo ordine politico-sociale. Ciò provocò l'insorgere delle masse in manifestazioni pubbliche, scioperi, adunate, marce organizzate e corte indetti dai partiti. Inevitabile fu la diffusione della violenza repressiva.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email