S4161 di S4161
Ominide 1103 punti

Prima guerra mondiale


Una crisi politica attraversava i confini occidentali della Germania perchè vari paesi volevano unirsi ad altre nazioni o volevano l'indipendenza. La Francia rivendicava alla Germania i territori dell'Alsazia e della Lorena. Invece, Trieste, Trento e l'Istria volevano ricongiungersi all'ltalia
perchè ancora sotto il domino dell'impero austro-ungarico. Anche gli Slavi del Sud volevano la libertà dall'Austria per potersi unire alla Serbia che era protetta dalla Russia. Francia e Inghilterra si sentivano minacciate dall'impero tedesco, tutto ciò a causa del grande sviluppo economico che
stava subendo la Germania e quindi era una potenziale rivale. Per colpa di alcune di queste tensioni ci fu la corsa agli armamenti da parte della Germania, della Francia, dell'lnghilterra e della Russia. Un
assassinio politico scatenò la guerra: il 28 Giugno del 1914 a Sarajevo 1'erede al trono dell'impero austro-ungarico fu ucciso da uno studente serbo. L'Austria dichiarò guerra alla Serbia e per effetto delle alleanze, il conflitto si estese subito. Da un lato gli imperi centrali (austro-ungarico, germanico, turco), dall'altro le potenze dell'intesa (Gran Bretagna, Francia, Russia, più la Serbia) i tedeschi cercarono di utilizzare la tecnica della guerra lampo progettando di attaccare sul fronte occidentale la Francia e successivamente su quello orientale la Russia. Ma in effetti, fallirono il loro obiettivo perchè furono fermati ad occidente dai francesi, anche se ad oriente riuscirono ad
invadere Polonia e Lituania. Intanto i sommergibili tedeschi affondavano le navi inglesi e americane nell'Atlantico e nel mare del nord. Gli Alleati promisero all'ltalia che, se fosse entrata in guerra in caso di vittoriale avrebbero concesso il Trentino, l'Alto Adige, l'Istria e il protettorato sull'Albania. La maggioranza degli italiani era contraria al conflitto, perciò Vittorio Emanuele III e il presidente del consiglio Salandra chiesero illegalmente alla Camera di affidare i pieni poteri al governo; la
Camera li concesse e, in base a questi poteri, il 24 maggio 1915 Fu dichiarata guerra all'Austria. II generale Luigi Cadorna fu incaricato di battere gli Austriaci attestati sulle Alpi, oltrepassarle e arrivare fino a Vienna. Egli schierò le truppe le truppe lungo il fiume Isonzo e sull'altopiano del
Carso, dove cominciò una logorante guerra di trincea. Alla fine del 1915 su tutti i fronti non c'era ancora un vincitore cominciava la faticosissima guerra di posizione. Nel 1917 l'esercito italiano venne travolto dagli Austriaci a Caporetto e fu costretto ad arretrare e ad attestarsi Sulla linea del
Fiume Piave. Cadorna fu sostituito dal generale Armando Diaz, che seppe risollevare il morale dell'esercito e mobilitare psicologicamente 1'intero paese contro gli Austriaci. I1 Giappone si schierò con gli Alleati per togliere alla Germania le sue colonie asiatiche. II 2 aprile 1917 dopo l'affondamento di un mercantile americano ad opera dei Tedeschi, gli Stati Uniti entrarono in
guerra ciò indusse a mobilitare anche il Brasile, altri stati dell'America Latina e la Cina. II 1917 fu anche 1'anno del ritiro dalla guerra della Russia sconvolta dalla rivoluzione. La pace di Brest-Litovsk (Marzo 1918) tra la Russia e la Germania che impose durissime condizioni all'ex impero
zarista: la perdita della Polonia e dei paesi baltici ( Estonia Lettonia e Lituania) a favore della Germania e l'indipendenza dell'Ucraina L'll agosto 1918 i tedeschi furono sconfitti dagli inglesi nella battaglia di Amiens. In Italia intanto, Diaz sferrò un'offensiva che si concluse con la disfatta
degli Austriaci a Vittorio Veneto, e quindi, furono costretti a firmare 1'armistizio. L'l I novembre 1918 la Germania e la Turchia firmarono la resa. La prima guerra mondiale si concluse con la scomparsa di tre grandi imperi (Germania Austria e Turchia). I trattati di pace firmati a Versailles
tra il 1919 e il 1920, disegnarono una nuova carta dell'Europa che lasciò insoddisfatti sia i vinti che i vincitori. Si determinarono pertanto frustrazioni e tensioni che avrebbero reso assai precario il ritorno alla pace.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email