Lorenin di Lorenin
Ominide 32 punti

Prima Guerra Mondiale, le origini del conflitto


1.1 Il congresso di Berlino: Le cause della prima guerra mondiale sono da riscontrarsi a partire dal 1875 quando nella Bosnia e nell’Erzegovina (sottomesse all’impero turco) i contadini cristiani si ribellarono contro i proprietari terrieri musulmani. Serbia e Montenegro a favore dei ribelli vennero sconfitti dai Turchi. Intervenne la Russia (per allargare la propria influenza sui Balcani) e sbaragliò l’esercito turco.
Preoccupate per l’accaduto, Inghilterra e Austria-Ungheria protestarono e minacciarono di far guerra alla Russia.
Con il Congresso di Berlino alla Russia fu imposto di rinunciare alla Bulgaria in cambio dell’appoggio diplomatico dell’impero ottomano, Inghilterra ed Austria-Ungheria.

1.2 Sistema delle alleanze: Francia occupa la Tunisia, l’Italia cerca di ostacolare la Francia ma è troppo debole e si deve appoggiare a qualche potenza. Nel 1882 nascita della Triplice Alleanza: Italia, Germania, Autria-Ungheria. Accordo puramente difensivo qualora uno di essi fosse stato attaccato da una potenza nemica (la Francia).
Germania in tensione con la Francia dopo la conquista dell’Alsazia-Lorena mentre l’Italia ne temeva l’espansione nel Mediterraneo.

1.3 Il piano Schlieffen: La Germania del kaiser Guglielmo II si trovò di fronte alla prospettiva di una guerra su due fronti: Francia e Russia; voleva far fronte a due avversari senza dividere le proprie forze e il generale Schlieffen elaborò un piano: dato che le ferrovie erano molto più evolute di quelle russe, l’esercito tedesco avrebbe concentrato le forze contro la Francia prima dell’arrivo dell’esercito russo. Per sconfiggere i francesi era necessaria una mossa inattesa: dato che la Francia avrebbe cercato di liberare Alsazia-Lorena, il generale dispose una piccola parte dell’esercito lì e tutto il resto contro Parigi, dopo aver attraversato il Belgio.

1.4 La flotta da guerra tedesca: Passando per il Belgio, la Germania avrebbe attirato l’attenzione dell’Inghilterra che non avrebbe gradito l’occupazione tedesca del Belgio. Il piano del generale avrebbe potuto aver successo se la Germania avesse mantenuto buoni rapporti con l’Inghilterra, cosa che non avvenne. Quando i tedeschi iniziarono ad armarsi di potenti navi da guerra, gli inglesi fecero lo stesso cercando sempre novità tecnologiche con la conseguente corsa agli armamenti navali e ostilità.

1.5 La politica di potenza tedesca: La borghesia tedesca non fu unanime nel giudicare positivamente una politica estera capace di provocare le ostilità della Gran Bretagna, con l’armamento navale. La flotta da guerra, tuttavia, potrebbe essere letta come un mezzo capace di mostrare al mondo la forza della nazione tedesca e servire come arma di pressione per convincere l’Inghilterra a scendere a compromessi con la Germania.

1.6 La polveriera balcanica: Nel 1914 grandi potenze riunite in trattati ed alleanze. Italia e Francia stipularono un accordo secondo cui, se la Francia avesse preso il Marocco, all’Italia sarebbe andata la Libia. La Serbia, desiderosa di allargare i confini, approfittò della situazione e si alleò con Montenegro, Grecia e Bulgaria (Lega Balcanica) ed attaccarono l’impero ottomano (Prima delle due Guerre Balcaniche). La Serbia vittoriosa conquistò il Kosovo e i kosovari albanesi furono sterminati in massa (pulizia etnica). Temendo l’intento espansionistico serbo, Italia e Austria-Ungheria istituirono il piccolo stato dell’Albania tra Serbia e Adriatico. Rapporti sempre più tesi fra Serbia ed Austria-Ungheria.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email