Lorep di Lorep
Ominide 1403 punti

Nei piani di Hitler, l’Italia non aveva un ruolo essenziale, basti pensare al fatto che egli occupò la Polonia, dando così vita al secondo conflitto mondiale, senza consultare l’alleata.
Secondo il Patto d’acciaio, comunque, l’Italia sarebbe dovuta entrare in guerra a fianco della Germania, ma resosi conto delle carenze economiche e militari della Nazione, Mussolini decise di optare per la non-belligeranza (uno stato di pieno appoggio politico, senza una diretta partecipazione sul campo).
Inizialmente il Duce contava di poter entrare nel conflitto nel giro di due o tre anni, ma la capitolazione della Francia fece comprendere che si trattava di una guerra lampo e che quindi occorreva scendere subito in campo per poter prendere parte alla spartizione dei territori.
Mussolini credeva che, una volta capitolata la Francia, l’Inghilterra sarebbe scesa a patti con Hitler, ma al rifiuto di questa, l’Italia si ritrovò in un grande conflitto senza avere delle buone risorse sul piano militare, ma anche su quello economico.

11 novembre 1940: l’aviazione inglese riuscì ad affondare tre corazzate nel porto di Taranto, mettendo così k.o. la flotta italiana.

6 aprile 1941: le truppe italiane subirono pesanti sconfitte in Etiopia e non poterono far nulla per impedire che la popolazione rimettesse sul trono il vecchio sovrano.

28 dicembre 1940: Mussolini dichiarò guerra alla Grecia. Questa campagna aveva una notevole importanza, poiché serviva per dimostrare che l’Italia non era una pedina nelle mani di Hitler e, inoltre, che era in grado di combattere una guerra parallela. Anche in questo caso vi fu una completa disfatta dell’esercito italiano. La situazione fu tamponata dall’intervento tedesco.
Lo stesso avvenne anche nell’Africa settentrionale nel 1941, dove le truppe tedesche difesero quelle italiane dagli attacchi inglesi. La guerra africana continuò fino al 1943, anche se le sorti erano già state segnate nell’autunno 1942 con l’offensiva inglese nei pressi di El Alamein, con la quale cacciarono le truppe dell’asse ed impedirono ogni possibilità di conquistare il Canale di Suez.

7-8 novembre: le truppe anglo-americane sbarcano in Marocco e in Algeria. Le truppe dell’asse furono costrette a combattere su due fronti e infine ad arrendersi.

Novembre 1942: le truppe italiane che Mussolini aveva inviato in Russia a fianco di quelle tedesche fecero ritorno dopo una grande sconfitta.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email