cesca30 di cesca30
Ominide 57 punti

Seconda guerra mondiale: quando tutto ebbe inizio (sintesi)


Il 1° settembre 1939 le truppe naziste diedero inizio all'invasione della Polonia, senza presentare però una dichiarazione formale di guerra, mentre vani furono gli appelli di Pio XII e Roosevelt. Due giorni dopo la Francia e la Gran Bretagna dichiararono a loro volta guerra alla Germania, rifacendosi al trattato di alleanza stipulato con la Polonia. I paesi oltre oceano, Stati Uniti e Giappone invece, non si schierarono. I tedeschi, dopo un mese, grazie ai mezzi corazzati e a quelli dell'aviazione, sottomisero la Polonia. L'invasione fu da un lato un banco di prova per nuove strategie da applicare in campo tedesco, ma in particolar modo l'occasione per perfezionare il Blitzkrieg (la guerra lampo)e terrorizzare i civili.
D'altra parte, il popolo polacco cadde sotto un regime di occupazione:
- i territori occidentali furono annessi al grande Reich;
- parte della popolazione polacca deportata;
- iniziarono le persecuzioni degli ebrei;
- vennero eliminati gli ufficiali dell'esercito di Varsavia, e i loro corpi furono gettati nelle fosse di Katyn (in Russia).
L'Italia non era invece preparata ad affrontare un conflitto: mancavano le materie prime, gli equipaggiamenti erano inadeguati e mancavano i mezzi dell'aviazione. Mussolini fu costretto a dichiarare lo stato di non belligeranza. Ma le sorti della guerra cambieranno.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email