La fine rapida della guerra tra Prussia e Austria impedì a Napoleone III di trarne vantaggio.
Opposizione della Francia alla espansione della Prussia: BISMARK ne era consapevole, ma non era sicuro di volere una guerra contro la Francia. Nell'eventualità fece un abile lavoro diplomatico per esepsere certo dell'isola,enti della Francia.
Occasione della crisi:
Settembre 1868: in Spagna colpo di Stato, fine regime dispotico di Isabella II di Borbone, il trono vacante era stato offerto al principe Leopolda di Hoenzollern appartenete al ramo cattolico della casa regnante in Prussia.
BISMARK capì che una tale candidatura non sarebbe stata accettata dalla Francia pacificamente.

Reazione della Francia:
- sul piano diplomatico minacciosa protesta
- sul piano dell'opinione pubblica, forte risentimento nazionale accese gli animi dei francesi
- chiese ritiro della candidatura
- Guglielmo I si mostrò conciliante, ma Napoleone III più ministro francese degli Esteri duca di Gramont di proposero di umiliare la Prussia.

- al l'ambasciatore Vincent Benedetti furono date istruzioni perché avanzasse ulteriori e inaccettabili pretese.
13 luglio incontro tra ambasciatore francese e sovrano prussiano ad Ems:
- Guglielmo I respinse con fermezza ma con cortesia le richieste Benedetti, telegramma per informare BISMARK.
- BISMARK manipolò il teso del telegramma (comunicato alla stampa) e risulto sprezzante per la Francia.
Francia reagisce con la passionale irruenza fino a dichiarare la guerra.

15 luglio 1870 la Francia dichiara guerra alla Prussia.
- vantaggio della Prussia: qualità comandi mediocrità dei generali francesi
Migliorare organizzazione, rapida nobilitazione
Sapiente uso della ferrovia - rapido trasporto truppe verso il confine
Operazioni belliche si svolsero sul suolo francese.

2 settembre 1870 sconfitta francese a Sedan: scontro risolutivo, francesi sconfitti.
In poche settimane l'esercito francese venne diviso verso al fortezza di Metz per liberarla.
Era la fine del II impero.
- 4 settembre a Parigi veniva proclamata l Repubblica e proclamato un governo di difesa nazionale.
- in quanto di distinse il radicale Gambetta che assunse il ministero degli interni
- nuovo governo continuo la guerra per alcuni mesi: valorosi francesi.

18 gennaio 1871 nascita dell'impero tedesco:
Parigi costretta ad arrendersi
18.1 sala degli specchi a Versailles convocato i principi tedeschi (Austria esclusa da BISMARK) proclamato Guglielmo imperatore.
Kaiser, sulla struttura della Confederazione della Germania del Nord allargato anche a Stati della Germania Meridionale che avevano conservato l 'indipendenza.

8 febbraio 1871 sollecitata da BISMARK si tenevano in Francia le elezioni per formazione di una Nuova Assemblea Nazionale per la nuova Costituzione. Prevalse la maggioranza moderata, venne affidato il governo a Thiers.
Marzo - contro la sua politica insurrezionale violenza a Parigi, la Comune.

10 maggio 1871 Pace di Francoforte
- il governo Thiers costretto a sottoscrivere dure condizioni.
- Francia doveva cedere al nuovo impero germanico (Albania, Lorena) e doveva pagare a titolo di indennità 5 miliardi di franchi - ora, fino all'avvenuto pagamento le truppe tedesche in 6 dipartimenti francesi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email