La guerra torna in Europa

In molte zone dell'ex Unione Sovietica (Tagikistan, Azerbaigian e Cecenia) scoppiano conflitti etilico-religiosi. La Cecoslovacchia si divide in Repubblica Ceca e Slovacchia, mentre nei Balcani la Jugoslavia attraversa un periodo di sanguinosi conflitti etnici. Movimenti nazionalisti servi si oppongono al secessionismo sloveno e croato. La Slovenia esce quasi subito vincitrice, mentre la Croazia, popolata da una minoranza serba , deve fare i conti don l'esercito e i gruppi paramilitari serbi. Il conflitto dura quattro anni, ed eu teatro di una brutale pulizia etnica.
Nel 1995 viene firmata la pace e la Croazia diventa Jugoslavia, ma le minoranze serbe, croate e bosniache si danno contemporaneamente battaglia, appoggiate dalle rispettive nazioni. Anche qui nel 1995 verrà raggiunta la pace che darà vita ad una federazione croato-musulmana e alla Repubblica Serba. L'ultima guerra che insanguina i Balcani si tiene in Kosovo, una regione a maggioranza albanese, che chiede l'indipendenza dalla Serbia. Il governo serbo di Milosevic inizia però un braccio di ferro amministrativo e cerca di operare una servizi azione coatta dell'area. La reazione di traduce in una guerriglia organizzata, appoggiata in seguito dalla Nato, che bombarderà la Serbia fino alla sua resa: nel 2008 il Kosovo proclama la propria indipendenza.

I primi passi dell'Europa unita sono economici e finanziari. Negli anni Cinquanta viene fondata da Belgio, Francia , Germania Ovest , Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (Ceca); in seguito di darà vita alla Comunità europea (Cee) e all'Euratom.
Queste organizzazioni si diranno di consigli dei ministri, commissioni esecutive, un Parlamento comune è una Corte di giustizia. Negli anni successivi molti altri paesi entrano a far parte di queste organizzazioni, fino alla recente ammissione dj alcuni paesi dell'ex blocco comunista. Dal 1979 il Parlamento europeo viene eletto direttamente dai cittadini, nel 1992 viene introdotto il tratto di Maastricht, che determina lo status di cittadini europei per i dittafoni di tutina paesi membri, la costituzione di una moneta unica e di una Banca Centrale Europea (Bce).

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email