Ominide 1148 punti

Crisi di fine secolo


A sostituire Crispi,venne chiamato per la prima volta Antonio di Rudini che nel 1896 firmò con Menelik il trattato di Addis Abeba,dove l'Italia limitava il suo dominio coloniale all'Eritrea e Somalia.
In Italia, però , il popolo cominciò a soffrire la fame ,tanto che il 28 febbraio del 1898 il quotidiano "la Stampa" di Torino scrisse che i contadini si cibarono di erba selvatica.
Nel 1898, un'aumento del prezzo del pane , provocò un'ondata di manifestazioni di protesta che percorse il Paese. La piu grave si ebbe il 6 maggio del 1898, a Milano ,dove il generale Beccaris ordinò ai suoi uomini di sparare alla folla che protestava , anche con l'uso dei cannoni. Ci furono centinaia di morti. Molti dirigenti socialisti vennero arrestati,tra cui Filippo Turati ,il capo del Partito Socialista Italiano..
Bava Beccaris ricevette il plauso del governo e del re Umberto I, che lo decorò con la Gran Croce dell'ordine militare di Savoia.
Dopo le dimissioni di Di Rudini, Umberto I affidò il governo a Luigi Pellaux.
Egli presentò alla camera una serie di provvedimenti che limitavano la libertà di stampa e riunione,con l'opposizione,cosi da far sciogliere a Pellaux le Camere e indire nuove elezioni..
Un mese dopo,il 29 luglio 1900, l'anarchico Gaetano Bresci , per vendicare i morti di Milano uccise il re Umberto I. Il nuovo re Vittorio Emanuele III affidò il governo a Zanardelli , affiancato da Giolitti come ministro degli Interni.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email