Nell'Ottocento c'è una nuova rivoluzione demografica,caratterizzata dall'aumento del tasso di natalità e quello di mortalità diminuiva,visto che era migliorata l'alimentazione,le condizioni igieniche e la medicina riusciva a curare le malattie infettive,quindi face progressi rispetto al secolo precedente.In particolare in questo periodo si erano sviluppate due nuove classi sociali,oltre ad avere la borghesia,anche se ebbe dei cambiamenti,cioè che divenne capitalistica,investiva i propri capitali nei messi di produzione,come le terre o le fabbriche,in modo da guadagnarci. Il proletariato era una nuova classe,che si divideva in quello agrario e in quello industriale,e la loro particolarità era quella di avere la sola forza nelle braccia. L'altra classe era quella operaia,che lavoravano nelle fabbriche in brutte condizioni igieniche,erano in una condizione di miseria e di sfruttamento,dove anche bambini,donne e anziani lavoravano per molte ore al giorno,circa 56 ore in una settimana,per un salario molto basso.La loro condizione di povertà era anche nelle loro abitazioni e avendo la paga giornaliera non era sicuro che il giorno dopo l'avrebbe avuta. Così si formarono nuove comunità di operai,le associazioni,che condividevano le stesse cose e volevano migliorare le condizioni di vita e di lavoro. Successivamente riuscirono ad avere dei miglioramenti a riguardo.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email