La Cina - crescita

La linea seguita dal regime comunista instaurato da Mao Tse-Tung dopo la guerra civile punta a realizzare subito una vasta riforma agraria che si concretizza nella redistribuzione di ben 50 milioni di ettari a 300 milioni di contadini. Il processo, guidato da un sistema politico monopartitico si accompagna alle durezze repressive tipiche dei sistemi comunisti anche se in Cina non accada nulla di paragonabile al regime della violenza instaurata da Stalin in Urss nel corso della collettivizzazione delle campagne. Dal 1953 viene avviato un primo piano quinquennale che prevede la nazionalizzazione delle miniere e delle industrie pesanti e punta a una rapida industrializzazione dell'economia cinese. In questi anni la crescita industriale viene incoraggiata a scapito di quella agricola sebbene l'agricoltura continui a essere il settore principale dell'economia cinese. Nel contesto internazionale la Cina si colloca inizialmente a fianco dell'Unione Sovietica, con la quale nel 1950 firma il trattato di collaborazione. Al tempo stesso Mao tse-tung e gli altri dirigenti comunisti pongono le basi per una solida egemonia della Cina nell'Asia orientale e sud-orientale. Nel 1950 la Cina interviene in Corea a sostegno del regime comunista impegnato nella guerra contro la Corea del Sud e le truppe Onu. Nel 1951 la Cina procede all'annessione del Tibet, cui viene lasciata solo un'autonomia formale. Una ribellione scoppiata nei Tibet nel 1956 viene repressa dopo tre anni di scontri. Dal 1959 il Dalai Lama è costretto all'esilio mentre il Tibet viene definitivamente annessa alla Cina. Nel 1962 una vittoriosa guerra contro l'India consente alla Cina di controllare pienamente anche il Tibet meridionale, in precedenza contesa dall'India. Infine sin dallo scoppio della conflittualità nel Vietnam, la Cina offre sostegno e collaborazione al movimento Vietminh, e poi ai Viet Cong comunisti che operano contro il Vietnam del Sud.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email