Video appunto: Carboneria e società segrete

Carboneria e società segrete



La carboneria è una società segreta che nasce a Napoli e si diffuse inizialmente nell’Italia meridionale per poi diffondersi in tutto il paese. Il suo obbiettivo era raggiungere la liberazione del paese dallo straniero e l’instaurazione di un regime politico fondato su una costituzione liberale.


Le società segrete in Italia sono nate intorno al 1815. Le società segrete sono ispirate a ideali liberali o democratici-giacobini e si opponevano all’assolutismo. Organizzano insurrezioni in molti paesi europei (come Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Polonia, America Latina, Grecia e Russia) chiedendo riforme, nuove costituzioni con modelli anglossassoni, spagnolo e francese e chiedendo l’unità e l’indipendenza nelle nazioni divise o soggette alla dominazione straniera.
La segretezza era:
- una necessità, dato che c’è la censura e il controllo su ogni attività associativa
- un limite, poiché potevano avere pochi aderenti –> riescono a mettere in crisi il sistema del congresso di Vienna che poi riuscì a ristabilire l’ordine.
Alcune personaggi di grande importanza per quel tempo fecero parte della Carboneria: Silvio Pellico, Antonio Panizzi, Giuseppe Mazzini da giovane, Ciro Menotti, don Giuseppe Andreoli, Nicola Longo, Emilio Maffei, Piero Maroncelli, Melchiorre Gioia, Napoleone Luigi Bonaparte.