Genius 20106 punti

La scala nei castelli rinascimentali

Fin dal 15.000 a.C., gli architetti si preoccuparono di far comunicare i diversi livelli dello stesso edificio: gli appartamenti reali di Cnosso a Creta costituiscono un esempio di queste costruzioni antiche. Ogni epoca ha i propri modelli di scala anche se è soprattutto nel XVI secolo che il passaggio da un piano all’altro diventa il chiodo fisso degli architetti. Le costruzioni civili e militari gotiche ci hanno lasciato delle scale a spirale, dette anche a chiocciola, facili da difendere, dato che il nemico si trovava più in basso del difensore. Tuttavia, quando la scala diventa un decoro pere le cerimonie reali o del signore, la sua struttura subisce un’evoluzione. Nella Valle della Loira, il Rinascimento italiano fornisce modelli di scala ancora sconosciuti in Francia. Il più celebre è forse quello del castello di Chambord. Il poeta francese Alfred de Vigny, nella sua opera Cinq-Mars, ce ne dà una descrizione molto appassionata “La base di questo strano monumento è piena di eleganza e di mistero; è una doppia scala che si innalza con due spirali a partire dalle fondamenta più profonde dell’edificio e fino alla sommità delle guglie più alte…… questa scala assomiglia ad un piccolo tempio isolato.” Questa scala a rampe sovrapposte, unica nel suo genere, verosimilmente costruita in base ad un ingegnoso progetto di Leonardo da Vinci, è sorprendente per la sua duplice rampa che permette a due persone di salire o scendere senza perdersi di vista, ma anche senza potersi incontrare prima di essere arrivate in cima o in fondo. Le decorazioni raffinate dei pilastri e dei capitelli fanno del monumento una meraviglia del primo Rinascimento francese. Un‘altra concezione che fu una novità nel momento in cui si utilizzava ancora la scala a chiocciola è la scala a rampa dritta che appare nel castello di Azay-le-Rideau, qualche anno dopo. In un insieme ammirevole di doppie finestre e di porta con archi a tutto sesto che si affacciano sul cortile interno, la scala d’onore ricoperta da una volta a botte è notevole. La scala del castello di Chenonceau, a rampe dritte, permette di accedere al primo piano della dimora. La sua particolarità è data dal soffitto a cassettoni.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email