Genius 16466 punti

Philibert Delorme: un architetto del Rinascimento francese

Philibert Delorme nasce a Lione, nel 1510 quando il Rinascimento italiano arriva in Francia. Si tratta di uno degli architetti più importanti dell’epoca, a totale servizio della nuova concezione dell’architettura. Nel 1533, parte per Roma alla ricerca della sua ispirazione; nella città dei papi, studia i monumenti antichi, disegna degli abbozzi di colonne e prende numerosi appunti. Ritornato a Parigi, protetto da Enrico II e dalla sua amante, Diana di Poitiers, diventa “architetto del re”, nel 1547. La progressiva introduzione della moda italiana determina l’abbandono delle ultime resistenze medioevali. Dal gotico fiammeggiante, si passa allora, all’arte più sobria del Rinascimento italiano. Verso il 1548, Delorme inizia i lavori del castello di Anet, su ordine di Diana di Pioitiers. La comparsa di colonne e di pilastri è il simbolo dell’integrazione del gusto italiano nell’architettura, ma il corpo centrale centrale, collocato al di sopra dei tre ordini architettonici classici è molto più avanzato rispetto all’epoca. L’architetto si distacca così dal gusto classico della moda italiana per permettere all’arte francese di evolversi e dare così luogo ad uno stile nazionale. Il pubblico e gli altri architetti riservarono a questa sua innovazione un’accoglienza piuttosto tiepida. Inoltre suscitò diverse gelosia in quanto accumula numerosi incarichi conferitigli dal re: architetto del re, consigliere e confidente del re, giurisdizione su alcune abbazie. Quando Enrico II muore, gli avversari di Philibert Delorme si affrettarono a togliergli l’incarico di soprintendente degli edifici per incaricare al suo posto l’italiano Primaticcio. La sua caduta in disgrazia non fu, tuttavia, di lunga durata; infatti, nel 16564, Caterina dei Medici, che aveva già seguito la costruzione della galleria a due piani progettata dall’architetto sul ponte di Chenonceau, gli ordinò di costruire il palazzo delle Tuileries, a Parigi. Questi lavori costituirono per lui l’ispirazione di una nuova idea: l’ invenzione di un ordine architettonico francese in cui le colonne sono costituite da quattro o cinque tamburi le cui giunture sono nascoste dalle modanature. L’idea fu buona e fece strada. Le opere scritte da Philibert Delorme rappresentano anche oggi i migliori trattati della scienza delle costruzioni.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email