blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Reni, Guido - Strage degli innocenti scaricato 13 volte

La strage degli innocenti

Il bolognese Guido Reni fu discepolo di Ludovico Carracci. Oltre al naturalismo carraccesco, su di lui influì profondamente la lezione della pittura di Raffaello. La Strage degli innocenti (1611), dipinta per un altare della chiesa bolognese di san Domenico, illustra con efficacia i caratteri del gusto classicista del pittore, fondato su un'eroica idealizzazione della realtà. L'opera è infatti il risultato di una perfetta sintesi tra lo sfondo della scena, dominato dalle architetture classicheggianti, e il dramma interpretato dalle figure, disposte secondo un preciso schema a diagonali che ha proprio il fulcro nel pugnale del carnefice di sinistra, bloccato in posizione verticale prima di abbattersi su una vittima. Ai gesti violenti dei due sicari, all'espressione disperata delle madri che cercano di proteggere i propri figli dalla violenza dei carnefici e all'urlo della donna trattenuta per la chioma, fa da contraltare lo statuario immobilismo della figura femminile collocata in primo piano sulla destra e dei due cadaveri di bambini,che sembrano dolcemente addormentati. Nello scorcio di cielo che si apre tra gli edifici dello sfondo, due angioletti offrono agli innocenti le palme del martirio.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email