Concy_x di Concy_x
Ominide 611 punti

Raffaello dipinge la scuola di Atene intorno al 1509/1510 nella Stanza della Segnatura, la prima delle Stanze Vaticane che dipinge, dedicata alla firma dei documenti papali da cui il nome "Stanza della segnatura" (dal verbo latino signo: firmare).
In questo affresco il primo aspetto fondamentale è la spazialità data da un bellissimo scorcio prima del pavimento con marmi policromi e decorazioni geometriche, poi della scalinata, ancora della pavimentazione e infine della bellissima architettura, caratterizzata da due volte a botte a cassettonate che presentano nicchie con statue all'interno.
I filosofi principali raffigurati sono Platone ed Aristotele, posti al centro, di cui Raffaello fa uscire i caratteri, le idee, mediante i gesti: infatti Platone legge il timeo, col dito verso il cielo indicando il mondo delle idee mentre Aristotele ha il libro dell'Etica e il palmo verso il basso.
Allo stesso modo, Raffaello dipinge Tolomeo che regge un solo astro, ad indicare la vecchia concezione del mondo e vicino a lui, c'è il possibile autoritratto di Raffaello.

Da mettere in evidenza la figura di Eraclito, per la quale Raffaello fa un omaggio al Michelangelo, conferendo al filosofo i caratteri della personalità di Michelangelo e della sua arte: è assorto, ha una postura malinconica, è solo e non in gruppo come gli altri filosofi, (riferimento al carattere non aperto di Michelangelo) ed è è inoltre uno dei personaggi più plastici, monumentali, rimandando alla monumentalità scultorea che Michelangelo regala alle sue opere.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email