Ominide 644 punti

Monumento della Beata Ludovica Albertoni - 1671 -1674


Il monumento collocato bella Cappella Altieri, cappella appartenente ad una delle famiglie principesche più prestigiose di Roma, situata nel transetto sinistro della chiesa di San Francesco a Ripa e dedicato della beata Ludovica Albertoni. Bernini inserisce il monumento della cappella arretrando la parete di fondo creando così un effetto di accelerazione prospettica e di contrazione dello spazio.
La beata condivide lo spazio dell'osservatore ma appare lontana da essere inavvicinabile. l'angusta imboccatura della cappella suggerisce una situazione di azione teatrale.
Bernini decide di rappresentare il momento in cui il personaggio passa dalla vita terrena a quella puramente spirituale , la beata è agonizzante sul letto di morte , il busto sorretto da cuscini e il capo riverso all'indietro. la morte e rappresentata in modo sensuale attraverso il gesto della mano rivolta sul petto e la bocca semiaperta. Le pieghe del panneggio sono trattenute dalle mani tremolanti nello spasimo della morte.
Anche di fronte a questa scultura siamo davanti ad un quadro vivente come nell'Estasi di San Caterina ., rispetto all'Estasi qui l'atmosfera è più intima e raccolta.
Il significato della luce è essenziale , radente , volta a suggerire come bei dipinti, l'esperienza del soprannaturale uno dei temi affrontati dal Bernini nelle sue opere scultoree.

Architetto urbanista


Le principali opere di Lorenzo Bernini come architetto e urbanista furono: Palazzo Montecitorio per la famiglia Pamphili progettato nel 1650 e portata a termine da Carlo Fontana, la sistemazione di Piazza San Pietro e Sant'Andrea al Quirinale. I primi studi per la spianata davanti San pietro risalgono al 1656. la piazza che progetta doveva essere un ampio spazio per cogliere i fedeli e per ricevere la benedizione papale.

Sant'Andrea al Quirinale (1658-1661)


Commissionata a Bernini per i novizi dell'ordine dei Gesuiti dal cardinale Camillo Pamphili , nipote del pontefice Innocenzo X. All'interno della Chiesa colpisce molto la cappella Maggiore inquadrata da un edicola affiancate da due coppie di colonne e sormontate da un timpano dove si trova la rappresentazione di Snt' Andrea che sale al cielo su una nube. All'interno della chiesa importante è la luce che viene impiegata dall'architetto in funzione simbolico -religiosa fornendo l'esperienza del soprannaturale.
La luce deriva anche dalla lanterna, lo spazio ovale della chiesa viene illuminato in modo diffuso da finestre aperte fra costoloni della cupola, le cappelle invece creano zone d'ombra in particolare nei lati dell'altare maggiore creando un contrasto di luce con la zona presbiteriale.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email