Concy_x di Concy_x
Ominide 611 punti

Andrea Mantegna nasce sull'isola di Carturo nel 1431 e muore a Mantova nel 1506 ed è uno dei rappresentanti del primo rinascimento italiano. Si forma nella bottega dello Squarcione a Padova da cui acquisisce la passione per il collezionismo di anticaglie. Lo Squarcione, però, fu più volte accusato di sfruttare i suoi allievi e ben presto Mantegna si emancipò per poi ricevere la sua prima commissione pubblica negli anni '50 del '400. La più importante caratteristica del Mantegna è il disegno marcato tipico della scuola fiorentina. Una sua famosa opera è il San Sebastiano che, sebbene solitamente venga rappresentato con membra delicate e femminee, il Mantegna rappresenta con un corpo scultoreo ed un ventre coperto da un perizoma di panneggio classico che crea volume e valore chiaroscurale. La colonna su cui il San Sebastiano poggia fa riferimento alla passione per le anticaglie acquisita dal suo maestro mentre lo sfondo è ricco di architetture fantastiche. In basso a destra due uomini caratterizzati dal taglio giottesco. Il corpo del santo è visibilmente sofferente a causa dei colpi subiti. Il personaggio del San Sebastiano, però, non fu una prerogativa solo del Mantegna, anzi: l'iconografia era al tempo molto in voga; infatti, un altro pittore detto Antonello da Messina rappresenta un San Sebastiano dal volto giovane e non sofferente e che quindi ha vinto il martirio; il corpo è esile e non più scultoreo, il perizoma non è classico e si riducono sangue e frecce; l'architettura sullo sfondo è realistica e invece delle anticaglie è presente un'unica colonna per terra.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email