blakman di blakman
VIP 9176 punti

Domenichino - La Caccia di Diana

Fulcro della concezione artistica di Domenichino era il rigore del disegno, in quanto solo esso dà l'essere, e non vi è niente che abbia forma fuori dei suoi termini precisi. Tra le opere più celebri di Domenichino va ricordata la Caccia di Diana, dipinta per il cardinale Pietro Aldobrandini. Sotto il profilo iconografico essa trae spunto dalle scene di baccanale eseguite da Tiziano per Alfonso I d'Este ma, per quanto riguarda lo stile, il punto di riferimento è il classicismo di Raffaello, interpretato però alla luce della leggerezza e dell'eleganza della pittura emiliana del Cinquecento, come si può osservare nella gestualità delle ninfe, dagli incarnati perlacei e dalla mimica pacata. L'episodio mitologico, inserito in un sereno paesaggio, è restituito con grande chiarezza narrativa: la disposizione dei personaggi, la compostezza dei loro gesti e l'uso di una vivace gamma cromatica concorrono infatti a determinare l'equilibrio compositivo del dipinto.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017