Concy_x di Concy_x
Ominide 611 punti

La Pietà Rondanini è l'ultima pietà, nonché ultima opera, dell'artista appartenente alla triade del Rinascimento maturo Michelangelo Buonarroti. Tale opera è databile tra il 1552 e il 1564 ed è attualmente conservata al Castello Sforzesco a Milano. Prende il suo nome dagli acquirenti, i marchesi Rondanini.
In questa ultima pietà di Michelangelo ritorniamo alla riduzione dei personaggi dell'iconografia del compianto sul Cristo morto così come nella sua prima pietà, la Pietà Vaticana: solo il Cristo e la Vergine sono quindi presenti nell'opera.
L'opera non è finita a causa del sopraggiungere della morte per l'artista ma non sono distinguibili le parti lasciate a non finito michelangiolesco (e quindi non terminate di proposito) da quelle che realmente l'artista non è riuscito a terminare: mai sapremo quindi come sarebbe dovuta realmente essere quest'opera per colui che l'ha realizzata.
Essendo quest'opera l'ultima del Michelangelo, l'artista riversa in essa tutto il pensiero che un uomo ormai anziano ha della morte: il corpo del Cristo, infatti, così come anche nella precedente Pietà Bandini, sta per scivolare dalle braccia della madre che a fatica lo sorregge; tutto il peso della morte fa scivolare via inesorabilmente un corpo pesante e che affronta una morte umana, terrena e ricca di pathos.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email