Ominide 4865 punti

La Guernica è uno dei grandi capolavori di Picasso, ispirata dalla distruzione della città di Guernica durante la guerra civile spagnola.
L'opera diventa testimone e simbolo universale della ferocia dell'uomo, dell'insensatezza della guerra e della morte che ogni dittatura porta con sè. Picasso esprime il suo sdegno morale di fronte alle atrocità della guerra, rendendo presente l'eccidio di Guernica e coinvolgendo l'osservatore, costringendolo a sentirsene parte e ad agire.
Picasso non rappresenta oggettivamente il bombardamento, bensì crea una sintesi plastica e spaziale di elementi simbolici ed espressivi, che rappresentano la violenza e la drammaticità della guerra. Una donna piange disperatamente tenendo in braccio il suo bambino morto, sotto lo sguardo minaccioso di un toro, che simboleggia la bestialità e la brutalità; un cavallo, simbolo dell'oppresso popolo spagnolo, nitrisce atterrito; una donna a seno nudo fugge senza meta mentre un'altra tenta di uscire dalla finestra; un uomo prigioniero delle macerie tende le braccia al cielo e le fiamme distruggono la sua casa. Emblematico è il cadavere di un soldato che tiene ancora stretti in mano un fiore e una lancia spezzata.

Prevale un'acuta drammaticità, accentuata dalla deformazione dei corpi e dalla scelta di adoperare stilemi che ricordano il disegno infantile. La Guernica testimonia gli orrori della guerra e si impone ben presto come emblema di impegno civile nell'opposizione contro ogni forma di dittatura e oppressione.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email