Ominide 592 punti

Impressionismo pittorico

Introduzione


Il movimento impressionista si sviluppa a Parigi dal 1874 al 1886. Caratteristiche principali:
- Dipingere en plen air
- Assenza di disegno
- Utilizzo dei colori; anche l’ombra è formata da colori. Smantellamento del colore locale.
L’impressionismo rappresenta l’ultimo tentativo di riprodurre la realtà. La prima mostra è nel 1874 nello studio del fotografo Nadar. Dal momento che è recente l’invenzione della macchina fotografica, la fotografia rappresenta meglio di qualunque tecnica pittorica la realtà: qual è dunque il ruolo del pittore? Riportare il rapporto luce-colore, il senso di fisicità.
I tre esponenti principali sono Edouard Manet, Claude Monet, Pierre-Auguste Renoir e Edgar Degas.

Edouard Manet


Egli fu anticipatore dell’impressionismo, la sua pittura per le tematiche reputate scandalose fu fonte di grandi polemiche. Abolì il chiaroscuro, la prospettiva, la costruzione per volumi.
- La colazione sull’erba – 1863.
- Olimpia – 1863.
- In barca – 1874.
- Il bar delle Folies – Bergère – 1881.

Claude Monet


Monet è considerato il maggior pittore impressionista . La luce è protagonista dei suoi dipinti.
- Impressione, sole nascente – 1872.
- La Cattedrale di Rouen – 1894.

Pierre-Auguste Renoir


I suoi quadri hanno per protagonista la gioia di vivere.
- Moulin de la Galette – 1876.

Edgar Degas


Nella sua concezione l’arte è basata sulla memoria e non più sull’impressione retinica.
- La lezione di danza – 1863. Non rifiuta né la prospettiva, né i particolari. Egli costruisce la spontaneità.
- L’assenzio – 1875.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email