blakman di blakman
VIP 9176 punti

Il Futurismo

Il Futurismo, affermatosi negli anni precedenti la Prima guerra mondiale, è stato l’unico movimento culturale d’avanguardia italiano ad avere un rilievo internazionale. I futuristi avevano l’obiettivo del rinnovamento di ogni campo del sapere e delle espressioni creative. Inizialmente, fu un fenomeno letterario ma ben presto si allargò al campo delle arti figurative. Nel 1909 l’intellettuale Filippo Tommaso Marinetti pubblicò a Parigi il Manifesto del Futurismo che sottolineava il mito del progresso tecnico, della macchina, del prodotto industriale in genere, della velocità, in aperta polemica con la cultura dominante che i futuristi ritenevano decadente. In particolare, i futuristi esaltavano il movimento ritenendolo l’espressione più rappresentativa della realtà. Il movimento consente la fusione dell’oggetto con lo spazio circostante. Il linguaggio che consentiva ai Futuristi di esprimere la loro concezione fu quello delle linee-forza, cioè l’individuazione delle forze che orientano il movimento e la direzione del corpo. I principali pittori Futuristi furono Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Fortunato Depero, Gino Severini e Carlo Carrà.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email