Cappella Pazzi (interno): la cupola é ombrelliforme con 12 costoloni (elementi portanti della cupola aggettante dall'intradosso) che ricordano i 12 apostoli. Alla cupola si aggiungono 2 ali sormontate da volte a botte ottenendo così col sottile rapporto geometrico fra linee rette e linee curve una complessa distribuzione degli spazi. Il quadrato al centro e le 2 volte a botte lacunari laterali danno centralità alla struttura. Il punto di vista è centrale perché fa riferimento alla pavimentazione e al vaso spaziale.

Cappella Pazzi (esterno): il portico è sorretto da colonne lisce con capitello corinzio che sorreggono lateralmente l'architrave e centralmente un'arcata che ricorda l'architettura romanica. Nella parte superiore il muro é diviso in doppie paraste che dividono la facciata in 4 rettangoli: c'è geometrismo. Nella parte superiore la cupola é coperta dal tiburio (copertura esterna della cupola posto all'incrocio del braccio longitudinale con quello trasversale) che ha forma tronco-conica: ripete la pianta a trifoglio. Ci sono gli occhi (finestre circolari) nel tamburo (elemento architettonico su cui vi è la cupola).

Palazzo Pitti: prototipo dei palazzi ricchi. Perde bellezza quando sarà ingrandito (non c'è modulo di proporzionalità). Nella parte centrale ci sono 7 finestre e 7 arcate. I portali d'accesso erano 3 e saranno chiusi da Michelangelo per dare origine alle finestre inginocchiate. Si usa il bugnato (pietra non levigata) che dà il chiaroscuro e le decorazioni superiori alleggeriscono la struttura. Questo palazzo diventerà sede della famiglia Dè Medici.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email