Ominide 4479 punti

Il ciclo di Assisi

Nel 1290 Giotto inizia a lavorare con Cimabue. A Giotto è attribuito il ciclo ispirato alle Storie di San Francesco. Esso fu condotto dal 1292 al 1296 e venne portato a termini da allievi. Questo ciclo presenta uno sbiadimento dei colori e si trova nella Basilica di Assis. Si compone di 28 affreschi quadrangolari. Ognuno è incorniciato da due colonne dipinte che sorreggono un architrave di coronamento.

La rinuncia agli averi

Nel quadro che raffigura la rinuncia agli averi si rievoca il momento in cui il giovane Francesco si spoglia delle ricche vesti. La scena presenta Francesco a torso nudo che fa voto di povertà alzando le braccia unite al cielo. Gli occhi sono rivolti alla mano benedicente di Dio,che si mostra solo a lui. Il padre,regge sull'avrambraccio sinistro i vestiti che Francesco gli ha appena restituito,mentre il braccio destro è trattenuto all'indietro dalla mano di un personaggio autorevole. Le vesti oggi appaiono di color bruno,mentre prima erano probabilmente di colore azzurro.

Giotto sente l’esigenza di dare profondità alle opere e introduce la prospettiva. Sebbene i suoi affreschi siano ancora un po’ sproporzionati,poiché non conosce le regole geometriche e matematiche. Utilizza sapientemente i colori e il chiaroscuro,conferisce alle proprie rappresentazioni la verosimiglianza(si avvicina sempre di più alla rappresentazione del vero).

Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email