Video appunto: Arte romanica nelle Puglie

Arte romanica nelle Puglie



Per la sua posizione geografica e per la sua storia, la Puglia è sempre stata aperta a numerosi influssi culturali e artistici. Dopo la caduta dell’impero romano d’Occidente, a lungo disputata fra bizantini, longobardi e franchi, soggetta a scorrerie saracene, nel IX secolo entro a far parte dell’impero romano d’Oriente per passare, poi, nell’ XI secolo sotto il dominio normanno.
A questi rapporti politici, vanno aggiunti quelli commerciali che portarono ulteriori contributi culturali; fra questi dobbiamo ricordare i rapporti con i commercianti lombardi ed emiliani, arrivati in Puglia lungo le vie che costeggiavano il mare Adriatico oppure con quelli pisani arrivati via mare. Il prototipo delle chiese pugliesi in stile romanico è la Basilica di Sam Nicola Bari. Innanzi tutto dobbiamo dire che la struttura è verticalistica, probabilmente per influenza dell’arte normanna. Essa fu edificata fra l’ XI e il XII secolo per custodire il corpo di San Nicola, trafugato in Asia Minore da un gruppo di marinai. Ai lati della facciata si ergono, incompiute, due torri che avrebbero dovuto essere costruite anche nella posteriore come avveniva, all’epoca, nella cattedrali tedesche.

Spesso si dice che esse risalgono a epoca normanna, ma probabilmente non è così perché esse sono indipendenti sia una dall’altra che da corpo della costruzione: addirittura una è più avanzata. La facciata riprende alcuni caratteri fondamentali del romanico lombardo. Infatti essa è divisa in tre parti mediante due alti semipilastri, sostenuti da due colonne. Le tre parti corrispondono alle tre navate interne. Altri elementi romanici sono le monofore,le bifore e il piccolo rosone in alto che alleggeriscono la facciata, la loggetta che corre lungo la fiancata, gli archetti pensili che accompagnato la parte più alta della facciata, la presenza di un pròtiro, cioè di un piccolo portico a cuspide posto a protezione e copertura dell'ingresso principale della basilica. Sulle fiancate si aprono delle arcate cieche che danno all’insieme una certa solennità e che risalgono all’epoca romana
Un altro esempio importante di romanico pugliese è anche la cattedrale di Otranto edificata sui resti di una domus romana, di un villaggio messapico e di un tempio paleocristiano. Consacrata nel 1088, al suo interno conserva un importante mosaico pavimentale eseguito, tra il 1163 e il 1166. Anche la cattedrale di Trani e in stile romanico, mentre quella di Foggia è curiosamente romanica nella parte inferiore della facciata e barocca nella parte superiore