Ominide 3880 punti

L’arte Romanica

Il periodo compreso fra l’inizio del secondo millennio e il rinascimento, definito “basso medioevo”, nel linguaggio storico artistico lo si preferisce definire con il nome di “età romanica”.

La città Romanica

La città romanica si sviluppa nello stesso luogo ove esisteva il centro abitato romano. Le case iniziano a svilupparsi in altezza; spesso presentano piani rialzati che poggiano su mensole. Le aree edificabili sono limitate, perché contenute entro la cerchia delle mura. Questa viene abbattuta e ricostruita con maggiore ampiezza tutte le volte che le esigenze lo richiedono. La ricostruzione, iniziava dalle porte. Le porte si aprivano ed erano dotate di ponti per scavalcare il fossato che correva intorno alla cinta stessa. Nelle città comunali, quasi tutte le case delle famiglie disponevano di una torre di difesa. In tal modo in caso di scontri interni, intere zone della città venivano isolate. Le torri erano numerose: la città doveva assumere quindi un aspetto mosso. Anche le mura di cinta erano munite di torri di difesa e disponevano di una fortezza detta “càssero” avente la funzione di ultimo baluardo.

Un edificio di importanza fondamentale era la chiesa: essa era la casa di Dio e il luogo dove ci si riuniva per pregare. Vi si celebravano i riti sacri: è così che il quadriportico muta la propria funzione divenendo punto di riunione. Simbolo dell’architettura civile nell’età dei comuni è il palazzo comunale, la “casa della comunità”. Al pianterreno vi era un loggiato attorno a un cortile centrale, sotto il quale si teneva il mercato e si amministrava la giustizia; al piano superiore si trovava un’unica sala per le assemblee. Nei comuni dell’Italia centrale, i palazzi ebbero più frequentemente la pianta rettangolare.

Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità