Video appunto: Pensiero dei Greci

Il pensiero dei Greci



La civiltà greca fu tra le più alte espressioni dell’umanità. La sua arte, in continua evoluzione, si affermò con il dominio culturale di Atene e influenzò con il suo linguaggio tutto il mondo conosciuto.

Comunità di uomini liberi



La civiltà greca è considerata la culla della civiltà occidentale, il luogo in cui si è formato il nostro modo di pensare e di vivere.
L’uomo greco è più libero poiché manca uno stato centrale, un esercito e una rigida casta sacerdotale come troviamo in Egitto. La religione dei Greci fu politeista, ovvero basata su molti dei.
La tradizione greca si basava in gran parte sulla narrazione dei poemi omerici, come l’Iliade e l’Odissea. La mancanza di verità assolute stimolò il sorgere della filosofia, cioè la capacità di persuadere, dimostrare e criticare più verità in conflitto tra loro. Anche il teatro, altra invenzione greca, fu un potente strumento di diffusione delle idee.

Nasce lo spirito critico



I Greci hanno inventato il «cittadino». Essi non si identificavano in una razza, stirpe, casta o mestiere, ma nella comunità della pólis, pur credendo di essere i migliori e di avere diritto di escludere tutti gli altri. L’eredità più importante che ci hanno lasciato è lo spirito critico, l’esercizio del dubbio, la capacità di interrogarci su di noi e sugli altri: «Perché sono così? Che cosa non funziona nel nostro mondo? Chi sono io e chi sono gli altri?».