Pantheon: la descrizione e lo stile


L'aspetto odierno del Pantheon è lo stesso dell'epoca adrianea, sebbene allora la parte cilindrica fosse nascosta sui lati da altri edifici adiacenti. Esso è costituito da un pronao, da una rotonda (la cella) e da un avancorpo di raccordo.
Il pronao è ricavato dal Pantheon di Agrippa, di cui viene mantenuto l'orientamento; la rotonda, invece, è costruita al posto dell'edificio di età augustea (già restaurato da Domiziano). Il pronao è formato da otto colonne di granito grigio sulla fronte, seguite da due file di quattro colonne di granito rosso; è sormontato da un timpano rivestito di marmo, mentre la rotonda è in opera cementizia, con paramento di mattoni da cui sporgono tre mensole.
L'ambiente interno della cella è costituito da una grande sala circolare coperta da un'immensa cupola emisferica, che poggia sulle pareti del cilindro. Quest'ultimo è alto esattamente quanto la cupola (21.72 metri). L'altezza totale dello spazio interno corrisponde dunque alla loro somma: 43.44 metri, uguale al diametro della base; di conseguenza, nell'intero ambiente è iscrivibile una sfera dello stesso diametro.

Il tempo e il luogo


Il Pantheon, uno dei monumenti che più hanno influito sulla storia dell'architettura, testimonia il gusto romano per i maestosi spazi interni ed è il frutto del ricorso a nuove soluzioni architettoniche.
Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Correlati Pantheon
Registrati via email