Genius 13137 punti

La moschea di Cordova (VIII-XI secolo)

Iniziata nel 785 e ampliata fino al 1009, la grande moschea (mezquita in spagnolo) di Cordova in Spagna segna il vertice dell’architettura araba classica e rappresenta in modo spettacolare lo sviluppo dell’Islam verso Occidente. All’estrema raffinatezza ornamentale dei dettagli decorativi di alcune parti si associa la meravigliosa, quasi ipnotica geometria dell’interno. Gli spazi sono scanditi da 850 colonne di granito, diaspro e marmo, su cui poggia un doppio ordine di archi: si ottiene così una sensazione di armonia moltiplicata all’infinito, in cui la bicromia bianco-rosso degli archi slanciati verso l’alto alle lunghissime prospettive. Nel 1236 il califfato di Cordova è conquistato dai cristiani e annesso alla Pastiglia: la moschea viene allora adibita al culto cristiano. Il mihrab, nicchi per la preghiera indicante la direzione in cui si trova La Mecca. Il minareto da cui il muezzin esorta i musulmani alle 5 preghiere quotidiane. La moschea è stata parzialmente trasformata con l’inserimento di un’anonima chiesa cinquecentesca.

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email