Mosaico della Battaglia di Alessandro

Questo mosaico è di misura 270 X 512 cm ed è una riproduzione romana del II secolo a.C e si trova a Napoli.
la descrizione e lo stile:
L'esercito persiano avanza, da destra verso sinistra, occupando metà dell'intera composizione. I soldati dell'esercito di Dario, riconoscibili dall'abbigliamento e dai copricapi all'orientale, affiancano e seguono il carro del re con le lance puntate, ma l'avanzata è interrotta dal sopraggiungere, dal lato opposto, di Alessandro Magno con i suoi armati. Dario, atterrito, allunga il braccio destro , mentre l'auriga sprona i cavalli e volge il carro in fuga, incurante dei feriti che sta travolgendo. Alessandro, che indossa l'armatura con Medusa sul petto, ha la spada nel fodero e tiene una lunga lancia nella destra, con la quale trafigge un dignitario persiano; il capo è scoperto, i capelli sono scomposti e divisi a metà sulla fronte, i grandi occhi sembrano spiritati e l'espressione sul volto appare eroicamente decisa.
La profondità della scena è resa dall'unico albero spoglio raffigurato in secondo piano sulla sinistra, dalle lance che oblique si stagliano sul fondo del cielo e dalle armi cadute a terra. Il brulichio dei personaggi e la concitazione dei gesti di uomini e cavalli trasmettono la drammaticità del conflitto. Lo scorcio del cavallo davanti a Dario, raffigurato da dietro, il re sporto in avanti e lo spazio che gli si apre intorno a semicerchio rispecchiano, nonostante si tratti di una copia di qualità inferiore rispetto all'originale, la complessità della resa del movimento nello spazio del modello pittorico.
Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email