Video appunto: Palazzo di Minosse

Il «Palazzo di Minosse» a Cnosso



A Cnosso, il Palazzo di Minosse appariva come un vasto e intricato edificio di più piani, esteso su una superficie di 22.000 metri quadrati. Simile a una città, era costituito da centinaia di stanze, corridoi, santuari, magazzini, botteghe, stalle e, per questa sua complessa struttura, venne associato alla leggenda del labirinto e del Minotauro, figura mitologica con la testa di toro e il corpo di uomo chiuso nel labirinto dove si cibava di carne umana.
Nel palazzo risiedeva il sovrano che, come un potente uomo d’affari, controllava le produzioni dell’isola e le provviste alimentari disponibili nei magazzini. Le sue botteghe producevano ceramiche, tessuti, gioielli, statuette d’avorio e ogni altra cosa necessaria alla vita di corte. Non sono state trovate mura fortificate: l’edificio era dunque aperto verso l’esterno e questo fatto, abbastanza eccezionale, fu interpretato come segno di una lunga era di pace. L’ambiente più vasto della reggia era costituito da un cortile lastricato (60 x 29 metri) dove si riuniva la famiglia reale per assistere alle cerimonie pubbliche o alle gare sportive più importanti, come il celebre salto del toro.

Nella produzione di vasi in ceramica i Cretesi diedero vita a un ricco repertorio di forme sempre più complesse e dai vivaci colori .