Ominide 197 punti

La decorazione del Partenone

Bello= kosmos (armonioso)
Cella= stile ionico

Atena presenta uno scudo sul quale sono disegnati Pericle e Fidia (condannati poi per ubris), porta in mano la “vike” (vittoria) e rappresenta la gigantomachia.

Le metope
Le decorazioni scultoree del Partenone furono progettate e disegnate da Fidia (bronzista) e, eseguite dai suoi allievi.
92 metope: (32 lato lungo per 14 lato breve)
Le metope inserite sul lato orientale raffiguravano la battaglia dei giganti (gigantomachia), quelle sul lato occidentale la battaglia con le amazzoni, quelle sul lato settentrionale la caduta di Troia e quelle sul lato meridionale la battaglia dei lapiti e dei centauri (centauromachia) che, dopo essersi ubriacati ad un banchetto, molestano le donne lapite.
Le metope hanno tutte in comune il λογος (la ragione).

Queste tematiche sono un allusione alle guerre persiane: ad esempio nella centauromachia i persiani sono i centauri (le bestie) e i lapiti i Greci (i civili). Lo stesso vale anche per gli altri temi.

[Analisi metope]→ tutto molto realistico
Decorazione a rilievo basso (quando il rilievo è poco pronunciato), alto (quando il rilievo è molto pronunciato).
Lapita che afferra un centauro sottomettendolo.
Il Lapita è nudo tranne per la Clamide (che gli ricopre le braccia), ha i muscoli in evidenza e il busto inarcato, quasi frontale.
Il centauro è fatto molto bene (3/4 della rappresentazione).

Eracle o Dioniso
Ormai senza piedi, mani e con la faccia devastata hanno le gambe sollevate.

I frontoni (438-432 a.C) statue a tutto tondo
Sul frontone orientale (h 148 cm) era rappresentato il momento della nascita di Atena (nata adulta dalla testa di Zeus con la μητις, l’intelligenza pratica), circondata dagli dei dell'Olimpo, su quello occidentale la sua contesa con Poseidone per il possesso dell'Attica.
Sugli acroteriali (i vertici o gli spigoli) si trovano ibridi o figure mostruose e si verifica l’apotropaica (che tiene lontano le forme del male).

Nel frontone orientale troviamo tre dee (Hestia, Dione e Afrodite) ormai senza testa e braccia.
Hanno le spalle e le braccia scoperte e gli abiti aderenti al corpo (effetto bagnato che mostra le forme delle dee).
Dione e Afrodite sembrano fuse l’una sull’altra.

Sempre nel frontone orientale troviamo Persefone senza piedi, mani e testa, con le braccia libere e con pieghe sui vestiti fitte e sottili.


Fregio della cella con cavalcata panatenaica, 442-432 a.c, marmo (160m, 300 figure; 255 animali)

Il fregio ionico era ininterrotto e di basso rilievo (4-5 mm). Conteneva la raffigurazione di una processione che iniziava all'estremità occidentale del tempio e continuava, su entrambi i lati, verso est. Il soggetto della processione, ancora oggi discusso, era probabilmente uno degli eventi religiosi più importanti di Atene, ovvero la processione panatenaica, durante la quale il popolo di Atene portava sull'acropoli un nuovo peplo per offrirlo alla statua lignea di Atena.
C’era una sovrapposizione e una regressione dei piani (lo spessore diminuisce a mano a mano che si avanza nel fregio).

Nel fregio troviamo anche Poseidone, Apollo e Artemide seduti e con le pieghe dei vestiti perfetti.

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email