Ominide 154 punti

Arte Mesopotamica - Architetture e sculture


Gli architetti avevano a disposizione solo argilla, bitume e canna da palude. Con questi tre materiali nacque il monumento più importante in Mesopotamia la ziggurat.
Era costruito su tre piattaforme una sopra l'altra in ordine decrescente a forma tronco piramidale dove all'interno era fatta con mattoni crudi mentre all'esterno con mattoni cotti.
Il santuario era situato nel punto più alto, lì si trovavano le statue degli dei.
Nel piano più basso, quello più grande, vi si trovavano botteghe e magazzini, al secondo e al terzo invece gli appartamenti dei sacerdoti.
La ziggurat era utilizzata anche come osservatorio astronomico. Molto diffuse in Mesopotamia furono le sculture di dimensioni piccole che raffiguravano uomini in preghiera detti onoranti, I corpi erano molto robusti mentre la parte importante che più si nota sono gli occhi che sono molto aperti quasi a cercare un contatto con la divinità.
Un reperto molto importante ritrovato in una tomba è il suddetto ''Stendardo di Ur'', comporto da 4 pannelli in legno di dimensione 20 x 48, lavorati ad intarsio.
I pannelli si leggono dal basso verso l'alto e da sinistra verso destra, sono divisi ognuno in tre registri che raffigurano due scene completamente opposte, la guerra su un lato e la pace sull'altro.
Nel lato della guerra nel primo registro troviamo soldati con quattro carri che travolgono i nemici, nel secondo registro ci sono i soldati che indossano degli elmetti che tengono lance in posizione orizzontale davanti a loro in modo tale da spingere i nemici, nel terzo e ultimo registro troviamo invece il re.
Nel lato della pace invece nel primo registro troviamo dei servi che portano dei tributi al re, nel secondo registro possiamo osservare la preparazione del banchetto e nel terzo registro il sovrano. Altro reperto importante è la stele di Hammurabi, blocco di pietra nera vulcanica con il re rappresentato di fronte e di profilo seduto sul trono e nella parte inferiore i 282 articoli della legge di quello che poi diventerà ''il codice di Hammurabi''. La colonna la possiamo dividere in modo immaginario in tre parti, nella prima possiamo leggere il prologo, nella seconda la parte centrale che contiene le leggi vere e proprie e nella terza l'epilogo dove Hammurabi si rivolge ai suoi successori dicendogli di far rispettare le leggi.
Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email