Ominide 2063 punti

Arco trionfale di Orange


Uno dei simboli della diffusione del modello urbano romano in tutto l’impero era l’arco trionfale, come dimostra la collocazione di quello eretto nella colonia romana di Orange in Provenza da Augusto o da Tiberio, tra il 10 e il 20 d.C. L’arco fu infatti innalzato a circa 100 metri all’esterno della porta nord delle mura cittadine, con una funzione prolettica 8 di anticipazione): la sua presenza e la sua forza simbolica dovevano segnalare quella della città. L’arco ha tre fornici e colonne con capitelli corinzi; solo il fornice centrale è sovrastato dal frontone. Il secondo attico, al centro del quale è raffigurata una scena di battaglia, ha fatto pensare a un’aggiunta di poco successiva alla costruzione, forse per ricordare la scomparsa di Germanico, nipote di Augusto e generale trionfatore morto nel 19 d.C. La decorazione ha un contenuto esclusivamente bellico e commemora le vittorie di Cesare, Druso Maggiore e Tiberio e poi forse Germanico: tutto lo spazio disponibile è occupato con una sovrabbondanza ornamentale che comprende fregi d’armi ( ossia fregio raffigurante serie di armi diverse, di solito quelle del nemico sconfitto) , scene di battaglia e rilievi con cataste di armi, tutti motivi di tradizione ellenistica, ai quali sono aggiunti elementi dell’armamento gallico per chiarire l’identità dei nemici sconfitti. Il messaggio connesso alla collocazione extraurbana dell’arco è dunque chiaro: esso doveva commemorare e ricordare a chiunque entrasse in città la sconfitta gallica e la pax romana stabilita nella regione.
Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email