Genius 13137 punti

Sacerdoti, i custodi della tradizione e del sapere

I sacerdoti occupavano una posizione centrale non solo nella vita religiosa, ma anche in quella politica e culturale: amministravano, infatti, in nome degli dei porzioni di terra e con il tempo diventarono dei veri e propri latifondisti.
La classe sacerdotale era a sua volta strutturata gerarchicamente: alla base stavano i sacerdoti addetti alla celebrazione dei riti, altri occupavano posizioni e ruoli più elevati e al vertice della piramide era collocato il “primo profeta”, cioè il sommo sacerdote di una divinità; durante l’epoca d’oro dell’Impero il primo sacerdote del dio tebano Amon fu secondo soltanto al faraone in termini di potere.

Oltre che del sapere religioso, i sacerdoti erano i depositari delle conoscenze scientifiche e tecniche che in Egitto raggiunsero un livello molto elevato. Particolare rilievo assunsero l’astronomia, la medicina e la matematica, come risulta dalle testimonianze che confermano l’esistenza di studi relativi al moto degli astri e al calendario solare, nonché alla geometria e alla pratica di tecniche mediche sofisticate (che consentivano anche operazioni al cervello).

Le dottrine dei sacerdoti restavano però segrete e gelosamente custodite all'interno della casta: ogni tempio importante aveva una sua scuola che tramandava le conoscenze esclusivamente ai futuri ministri del culto.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email