Genius 13146 punti

Il mito della Arabia felix

L’Arabia è la seconda penisola al mondo (dopo l’India) per estensione. Essa è costituita da un vasto altipiano, per lo più arido e desertico, ma con ampie zone steppose dove è praticabile la pastorizia; le poche terre fertili corrispondono alle oasi e alle fasce costiere. Nell’Arabia meridionale, in particolare, le condizioni climatiche assicurate dai monsoni (venti che in determinati periodi dell’anno portano abbondanti e regolari piogge) favorirono, tra il I millennio a.C. e i primi secoli dell’era cristiana, il formarsi di alcuni prosperi regni, di cui parlano anche le opere degli storici greci e romani: una ricchezza che fece meritare alla penisola il nome di Arabia felix, “Arabia felice”, “prospera”. La spiegazione di questo appellativo si può far risalire alla presenza di pietre preziose, d'oro e soprattutto di aromi come la mirra e, in particolare, l’incenso, che poteva essere estratto solo da piante coltivate in quella regione. Erodoto scrive che “ da ogni luogo dell’Arabia spira un soave profumo di aromi”. Per questo motivo la penisola arabica fin dai tempi antichi si trovò a essere il centro nevralgico di una fitta rete di commerci che coinvolgevano l’Asia Minore, l’Africa, l’India.

Gli scavi archeologici compiuti nel XX secolo nelle zone meridionali della penisola (l’odierna Yemen) hanno confermato le antiche testimonianze letterarie, portando alla luce i resti di costruzione monumentali. Il più importante dei regni dell’Arabia meridionale fu quello di Saba (patria di una famosa regina, protagonista di una vicenda narrata nella Bibbia), fiorito tra il X e il VI secolo a.C. e menzionato anche dal Corano. Anche nella parte settentrionale della penisola arabica, a ridosso della “mezzaluna fertile”, si formarono alcuni piccoli regni. Quello dei Nabatei ( che aveva per capitale Petra, a Sud del Mar Morto), fu assorbito dall'imperatore romano nel 105 d.C., per opera di Traiano, e divenne la provincia romana di Arabia. Una sorte simile a quella toccato al Regno di Palmira (in Siria) che, dopo aver a lungo lottato per mantenere la propria indipendenza, fu alla fine sottomesso dall’imperatore Aureliano.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove