Ominide 15556 punti

La civiltà egiziana


Nella valle del Nilo fiorì, in tempi remotissimi, una grande civiltà, della quale rimangono tracce imponenti. Le Piramidi, la Sfinge, i grandi templi sono la testimonianza d’una vita intensa, di una grande arte, del potere illimitato delle classi dominanti, del prestigio del Faraone. Il territorio dell’Egitto comprende la lunga valle del Nilo, le cui acqua limacciose scorrono in mezzo al deserto per migliaia di chilometri. In prossimità del Mediterraneo il fiume si apre in un ampio delta, rallentando il corso e ristagnando. Il cielo è quasi sempre sereno e il sole risplende implacabile e caldo. L’Egitto deve la sua esistenza a quel fiume provvidenziale: senza di esso non ci sarebbe una terra abitabile, ma soltanto un’arida, uniforme distesa di dune infuocate. Lo storico greco Erodoto definì quella valle “un dono del Nilo”. Da giugno fino a settembre il fiume, alimentato dalle piogge equatoriali, che cadono abbondantissime alle sue sorgenti, e dal disgelo sui monti dell’Etiopia, è in gran piena. Le sue acqua, dilagando lentamente nei campi, depositano un fertile limo, sul quale i contadini seminano, così che le messi sono sempre abbondantissime. Il Nilo costituisce inoltre una notevole via di navigazione. Gli scavi archeologici. Dopo aver individuato mediante precedenti accurate ricerche un’area favorevole agli scavi, gli archeologi praticano una trincea centrale per studiare l’antichità del luogo e per rendersi conto dei periodi archeologici rappresentati nel sito (stratigrafia). Nella illustrazione presa in esame si vede appunto una trincea di sondaggio nel Tell el-Giudeideh in Siria: il tell (monticello artificiale) è tutto materiale archeologico; il più antico livello, il XIV, è un suolo vergine. I piccoli reperti, essendo caratteristici delle varie epoche, servono alla datazione dei singoli strati. Dopo il sondaggio gli archeologi passano ad esplorare l’area strato per strato, catalogando minuziosamente i ritrovati. Procedendo all’esplorazione dello strato successivo solo dopo aver accuratamente esaminato lo strato precedente. Sfogliando il terreno come le pagine di un libro.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email