Ominide 1909 punti

Antonio fu il vero vincitore della battaglia di Filippi al termine del 42 a.C. e per questo riuscì a imporre una ripartizione dei compiti fa i triumviri, che ovviamente fosse favorevole soprattutto a lui. Innanzitutto Lepido dovette scambiare le sue province con quelle de i colleghi: la Gallia Narborense fu aggiunta alle province già destinate ad Antonio, mentre la Spagna andò ad Ottaviano. Quest’ultimo infine cedette a Lepido l’Africa.
Antonio ottenne di restare nell’Oriente greco al fine di raccogliere il denaro necessario per pagare ai soldati cesariani rimasti in servizio tutti i compensi pattuiti, mentre Ottaviano ebbe l’incarico di trovare in Italia le terre da distribuire ai 180.000 veterani. Ciò lo avrebbe esposto ai rischi dell’inevitabile malcontento dei proprietari che avrebbero subito le confische dei campi, fra i quali ci sarà anche la famiglia del poeta Virgilio, che abitava com’è risaputo nel mantovano. Antonio rimase un anno in Asia, stanziato prima ad Efeso e poi a Tarso, dove nell’autunno del 41 a.C. incontrò Cleopatra, la fatale regina d’Egitto che risaliva sulla sua imbarcazione regale il fiume Cnifo e lo invitò a pranzo sul lussuosissimo battello. Caduto nelle maglie della seduzione di Cleopatra, proprio come era successo a Cesare, la seguì ad Alessandria, dove trascorse l’inverno.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità