Ominide 56 punti

Max Weber : pensiero , riflessioni e teorie

Weber indaga i fenomeni socio-economici della modernità capitalistica, il suo interesse è rivolto soprattutto verso la società e la politica; diventa un punto di riferimento per i giovani intellettuali, egli riduce la complessità del fenomeno sociale alla sola struttura materiale e non considera negativamente il capitalismo ma ne individua vantaggi, rischi,possibilità e limiti. Partecipa nel 1918 alla redazione della Costituzione della repubblica di Weimar ed è tra i fondatori del partito democratico tedesco.

Metodo delle scienze storico-sociali

Per Weber la sociologia ha per oggetto i modi dell'agire individuale, che si evolvono e si modificano nel corso della storia, sostiene che le scienze storico-sociali sono definite dall'atteggiamento dello scienziato che deve essere neutrale, non deve giudicare i fenomeni sociali sulla base delle idee e dei preconcetti ma il dovere del ricercatore ha il dovere di vedere la verità dei fatti mettendo da parte i propri punti di vista e cercare di comprendere in modo oggettivo la realtà che lo circonda ( avalutatività) ma è perfettamente consapevole che la realtà assoluta non esista. Fa una distinzione tra giudizio di valore, ovvero la presa di posizione valutativa del ricercatore nei confronti della realtà che sta analizzando ovvero, il suo giudizio di approvare è dettato da motivi di carattere etico politico.. relazione ai valori, il criterio con cui lo scienziato oper la selezione dell'oggetto d'indagine nell'ambito degli oggetti storici.

Analisi della causalità storica

Nel mondo delle scienze storico-sociali è necessario ricorrere a una spiegazione casuale diversa da quelle scienze naturali perchè mira a selezionare una serie limitata di elementi, rilevanti e importanti che nel caso mancassero provocherebbero risultati diversi rispetto alla realtà, i fatti vengono quindi giudicati in imputazione casuale, weber vuole offrirne una base sulla quale identificare le circostanze che rendono possibile un determinato corso degli eventi. (esisto diverso di una guerra ). Weber intende individuare le circostanze che rendono possibile un determinato corso degli eventi. Ogni circostanza o elemento individuati come come causa adeguata e non solo accidentale sono sempre e solo uno degli elementi in gioco e non devono essere assolutizzati, in questo cade il marxismo che universalizza la spiegazione economica della storia.

Mondo capitalistico

Ribalta la prospettiva marxista mantenendola comunque un punto importante. La mentalità del capitalismo ha radici nel protestantesimo e nel calvinismo ( l'uomo può ottenere la salvezza in virtù dell'azione di dio e dimostrare con le sue azoni di godere della grazia divina manifestata attraverso il successo economico e la vita professionale )
Nel sistema capitalistico il valore della produttività perde il suo valore religioso: il lavoro non è più in nome della salvezza e il profitto diventa una scopo in se. Ed è questo che porta a una condizione di DISINCANTAMENTO:
che -indica il fenomeno per cui il mondo nel corso della storia ha perduto l'aura magico-sacrale per unprocesso di progressiva razionalizzazione ed intellettualizzazione che ha portato il distacco dalla magia primitiva e dal politeismo. - venir meno all'incontro con cui l'uomo antico adorava una pluralità dei Dei stabilendo con essi una comunicazione ravvicinata- Nel mondo moderno l'uomo crede in un solo Dio che immagina lontano, oppure non crede. L'uomo ha la convinzione di poter dominare tutto con la ragione facendo a meno dell'intervento divino.
L'epoca del disincantamento è dunque anche un'epoca di povertà perchè l'uomo si trova privo di valori e significati a causa della costante ricerca di successo.
Il capitalismo infatti da una parte incoraggia la razionalità e dell'altra i comportamenti all'utile immediato. L'uomo moderno vive per il profitto che risulta fine a se stesso e svolge azioni solo per ottimizzare i risultati materiali.
Esempio del mantello: esso avvolgeva le spalle degli eletti ma poteva essere buttato via in momento--->gabbia
d'acciaio: profitti e accumulo di ricchezza diventato meccasiso che imprigionano l'uomo.

Etica della responsabilità

Nel mondo capitalistico regna la ragione strumentale nella quale la perdita di tempo è vista come una colpa per cui l'agire è valutato in relazione alle conseguenze pratiche che ne derivano e ai mezzi per promuoverle. Questo attegiamento è consono al Calvinismo che porta allo sviluppo del Capitalismo perchè il Calvinismo è indirizzato ad un fine trascendente---> la vita oltremondana
L'etica della responsabilità trasferisce il rigore ascetico dal mondo spirituale a quello mondano della responsabilità e del lavoro e si tratta di un ascesi intramondana in cui è bandita l'impulsiva gioia di vivere che distrae da lavoro e religione e vige una concezione del lavoro inteso come obbligo morale---> BERUF
Il capitalista deve occuparsi solo dei mezzi, non cosumare il guadagno ma reinvestirlo per accrescere i guadagni.
Il mondo del disincantamento non è molto cambiato da quando era sotto gli Dei perchè ha comunque come destino quello di farsi dominare e questo può portare ad una servitù sotto capi carismatici.

Etica dell'intenzione

Si contrappone a quella della responsabilità e comporta che l'azione sia valutata in base alle intenzioni e alle convinzioni di chi la compie senza interessarsi dei mezzi e delle conseguenze.
Esempio dell'etica Cattolica: il fedele deve adempiere ai doveri religiosi e l'azione è determinata dall'intenzione. Quando il fedele sbaglia può riscattarsi attraverso il sacramento della penitenza. Nell'etica calvinista invece non ci sono scappatoie.
In conclusione Weber cerca di comprendere l'etica moderna mettendo in voce sia gli aspetti positivi che negativi per recuperare i valori che nell'etica strumentale sembrano perduti.

Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email