Ominide 4958 punti

L’utopia non è dedicata a un principe,questa battuta in assoluto non è rispondente al vero, perché lo stesso Machiavelli dedica le proprie opere ad un principe. Infatti storicamente in passato e forse ancora oggi, quando uno dedica qualcosa a qualcuno, raccoglie i propri sentimenti e le proprie riflessioni e le offre, soprattutto in chiave meta-esperienziale. Il fatto di dedicare qualcosa a qualcuno è un atteggiamento tipicamente legato all’essere umano. Quindi , anche quando si parla di utopia, la presenza della dedica è indispensabile: gli intellettuali, per poter scrivere le proprie opere dovevano per forza vivere all’ombra dei grandi feudatari e dei principi.

Non è una proposta empirica o programma proponibile: gli ideali che stanno nell’utopia non hanno la possibilità concreta di realizzarsi, perché quelli che hanno reali possibilità di realizzarsi sono gli ideali ideologici.
Un individuo, nel tempo t1, viene additato come terrorista dalle potenze occupanti. Nel periodo di tempo che passa da t1 a t2, la terra cui appartiene conquista l’indipendenza: questo significa che è stato realizzato un ideale di natura politica. Nel t2 lo stesso soggetto viene celebrato come eroe e patriota del nuovo paese. Ciò permette all'utopia di essere collocata come una delle più importanti caratteristiche dell'umanità odierna.
Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email