Sapiens Sapiens 13859 punti

Vittorio Alfieri: Saul - riassunto

La trama del Saul si inspira alle vicende narrate nella Bibbia, nel primo libro dei Re. Tuttavia Alfieri ha variato gli avvenimenti, il carattere dei personaggi e l’unità di tempo. Infatti l’azione si concentra in ventiquattro ore mentre nella Bibbia essa si colloca in tempi e giorni diversi. I personaggi sono: il re Saul, David, suo figlio, destinato a succedergli sul trono, Gionata, figlio di Saul, Micol, figlia di Saul e moglie di David. Inoltre troviamo Abner, consigliere e ministro del re. La scena si svolge nel campo degli Israeliti, quando la battaglia contro i Filistei è imminente.
In questa tragedia l’opposizione fra tra l’eroe ed il tiranno si trovano all’interno dello stesso personaggio, Saul: da un lato egli vuole liberarsi dalla vergogna della vecchiaia e dall’altra si mostra restio ad abbandonarsi nella fiducia dei figli.
• Le vicende del 1° atto si svolgono nelle ultime ore della notte. David, cacciato da molto tempo da Saul perché invidioso del suo valore e della sua gloria, si incontra con Gionata nelle vicinanze dell’accampamento perché intende, nonostante tutto, di presentarsi al re e di partecipare alla guerra contro gli infedeli. Sono presenti anche sua moglie Micol e Gionata che consigliano a David di nascondersi fintanto che essi non abbiamo parlato al padre per prepararlo.
• Il 2° atto coincide con il sorgere del sole. Saul è preso da un’angoscia solitaria per l’avanzare della vecchiaia. Sopraggiungono Micol e Gionata e cercano di convincere il vecchio re ad accettare David fra le file del suo esercito. Saul accetta ed affida a David la direzione della battaglia pregando Micol di consolare il suo sposo e di fargli dimenticare gi errori del padre.
• Nel 3° atto, Saul che sembrava essersi piegato all’amore dei figli, si lascia riprendere dai vecchi sentimenti nei confronti di David. David lo cerca di consolare con il suono dell’arpa, ma tutto è inutile perché Saul esplode di nuovo, lanciando contro il figlio parole violente e il giovane si allontana di nuovo dall’accampamento.
• Il 4° atto segna il tentativo di Saul di recuperare se stesso attraverso la violenza e le stragi cercando così di far rivivere la propria grandezza nella ferocia del sangue. Infatti, caccia da sé tutti i figli, manda a morte un sacerdote, ordina che nella città di Nod tutti i sacerdoti siano uccisi e cambia ogni ordine impartito da David. Tuttavia avverte che si tratta di una vittoria fittizia e che non può durare.
• Il 5° atto si colloca a notte già inoltrata. È la disfatta totale di Saul. I Filistei hanno assalito improvvisamente l’esercito di Israele le cui schiere sono in rotta. Saul, preso dall’ultimo delirio, sente il fragore della battaglia e chiede le sue armi per lanciarsi nella battaglia, ma questo non gli viene concesso. I suoi figli sono morti in battaglia, eccetto Micol che viene tratta in salvo dal sacerdote Abner. Ormai rimasto solo, Saul prende coscienza di se stesso ed acquista così una dignità nuova. Muore da re cadendo trafitto sulla sua spada.
Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email