Ominide 2147 punti

Alfieri: Opere


Una personalità irrequieta


Vittorio Alfieri nasce ad Asti il 17 gennaio 1749, da una famiglia nobile, ma carente affetti ed istruzione.
A Torino si avvicina agli ambienti letterari della città, formando insieme ad alcuni amici, una sorta di accademia delle lettere. Intanto si era innamorato di una donna sposata e abbozzò alcuni pagine della sua prima tragedia “Antonio e Cleopatra”, che segna l’inizio dell’avventura letteraria di Alfieri; da questo momento, infatti, le inquietudini e i suoi tormenti verranno progressivamente incanalati nella creazione artistica. Scrisse poi altre importanti tragedie tra cui “Filippo”, “Antigone”, “Merope”, “Saul” e la “Mirra”.
A Parigi incominciò la stesura della prima parte delle proprie memorie “vita”, continuando poi la seconda parte a Firenze, dove morì nel 1803.

Il ricordo di una giornata


E’ tratto dal Journal, un diario che Alfieri tenne dal 1774 al 1775, scritto in francese e in italiano. Qui Alfieri descrive con ironia una sua giornata da “giovin signore”, attratto dalla letteratura, ma ancora incapace di rinunciare alla sua vita mondana.
Prima si descrive con un’inutilità e come un personaggio annoiato, con tormenti interiori e si sminuisce, dicendo che non riesce a concentrarsi nemmeno nella letteratura. Continua però dicendo che ci sono momenti in cui è una brava persona, e altri in cui ha l’ozio tipico dei nobili. Conclude dicendo di non esser capace di descrivere la sua giornata perché da una parte lo umilia, e dall’altra lo lusinga.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità