Niente stage perché ha il velo?

Carmine Zaccaro
Di Carmine Zaccaro

Niente stage perché ha il velo?

Una ragazza egiziana di 16 anni di un istituto professionale milanese è stata rifiutata per un’esperienza lavorativa da un hotel di Milano pochi giorni prima dell’inizio del lavoro. Al suo posto è stata presa un’altra ragazza del suo istituto. A scuola i compagni non hanno digerito la storia e per aiutarla hanno deciso di inviare una lettera di indignazione contro la struttura alberghiera, che ha minimizzato dicendo che l’assunzione non è avvenuta per mancanza di disponibilità e non per motivazioni legate alla cultura della studentessa.

NIENTE STAGE PERCHE’ EGIZIANA? – Un’esperienza come tante si è trasformata in una vicenda singolare. La studentessa sedicenne, di origine egiziane, dell’istituto professionale Marignoni Polo era stata candidata per uno stage presso un albergo di Milano per svolgere la sua esperienza lavorativa. Voleva solo ottenere i crediti per le attività di alternanza scuola-lavoro, necessari per il suo diploma, qualcosa però è andato storto. La scuola, dopo aver preso i contatti con la struttura, organizzato i documenti necessari all’attività lavorativa e dopo aver precisato che la ragazza per rispetto alla sua religione portava il velo, 48 ore prima dell’inizio del lavoro è stata ricontatta dall’Hotel che non ha più voluto la ragazza.

Ma cosa è la discriminazione?

IL PRESIDE RISPONDE - Il preside della scuola Pietro de Luca raggiunto telefonicamente dalla redazione ha dichiarato «ho chiesto ai responsabili della struttura le ragioni di questo cambiamento, ma hanno avanzato non precisati motivi e non precisati problemi del personale, che hanno impedito lo stage», aggiunge inoltre di aver chiesto un confronto di persona con i responsabili dei tirocini dell’albergo «che ad oggi ancora non si è verificato».

“SOLO UNA INCOMPRENSIONE”- «Si è trattato sicuramente di un'incomprensione. Siamo sempre stati molto aperti alla formazione e abbiamo dipendenti di qualsiasi etnia. Credo che il problema fosse una questione di disponibilità di stage: abbiamo un numero eccessivo di richieste da parte delle scuole e non possiamo accoglierli tutti», questo quanto dichiarato da Massimo Brianza uno dei soci dell'hotel dalle pagine di Repubblica.it.

LA REAZIONE TRA I BANCHI - A quanto pare non ci sarebbero motivi legati alla discriminazione , ma solo di un numero eccessivo di richiesta alla struttura. I compagni di scuola della ragazza venuti a conoscenza della vicenda, non hanno accettato la replica dell’hotel e cosi hanno deciso di scrivere una lettera all’albergo milanese per esprimere la loro indignazione.

Carmine Zaccaro

Commenti
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità
Skuola | TV
Adolescenti e relazioni malate

Quando un rapporto è malato? Quali sono i segnali che devono farti allarmare? Di questo e molto altro parlereno nella prossima puntata con il supporto di un sessuologo.

18 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta