Alcol test anche per prof: scoppia la polemica

Margherita Paolini
Di Margherita Paolini

alcol test per i prof: il mondo dei docenti in protesta

Qualche settimana fa in un istituto professionale di Mondovì, in Piemonte, i prof si sono visti recapitare dal preside un avviso che recitava più o meno queste parole: “Presentatevi in questo polimabulatorio nel tal giorno per controlli sull’uso di alcol e stupefacenti”. Già, avete capito bene: l’alcol test è arrivato anche per i prof, e non di sabato sera all’uscita di una discoteca, ma nel normale svolgimento della loro attivatà lavorativa. Ad affermarlo è, in Piemonte, una legge regionale che esista già da circa un anno.

LA LEGGE E LA MANCANZA DI FONDI - La legge regionale in questione, applicante la norma nazionale, impone controlli dell’alcol ai professori con l’obiettivo di tutelare la sicurezza scolastica. Si tratta tuttavia di un provvedimento che, allo stato attuale delle cose, trova spazio solo sulla carta e non nella realtà dei fatti. E’ la mancanza di fondi a fare da ostacolo all’attivazione di una legge che non può che far discutere il mondo dei docenti. La Regione nel tentativo di sbloccare la situazione avrebbe promesso ad aprile una convenzione gratuita, di cui al momento tuttavia non si sa niente di preciso.

LE INIZIATIVE DELLE SCUOLE - Nell’attesa che la vicenda dell’alcol test per i prof si risolva, alcune scuole hanno intrapreso la strada dei provvedimenti autonomi. Oltre all’istituto professionale di Mondovì altre scuole hanno organizzato corsi di formazione, come quelli previsti al liceo D’Azeglio e al Primo artistico dalla preside Chiara Alpestre. Intanto la Regione afferma che, pur non essendo definita la convenzione, le Aziende sanitari esono state incaricate di mettersi a disposizione delle scuole per controlli gratuiti.

LA REAZIONE DEI PROF - Gli insegnanti non hanno però accolto di buon grado tale provvedimento che giunge in un momento di forte crisi come un ulteriore minaccia alla loro realtà già abbastanza precaria. Così rivoltisi ai sindacati, Flc-Cgl, i prof sono riusciti a fare annullare i primi provvedimenti presi autonomamente dalle scuole, in virtù dell’assenza di una normativa ufficiale. E salta nuovamente fuori la questione della mancanza di fondi. Infatti Nicola Puttilli, presidente locale dell’Andis, segnala il fatto chele scuole primarie, pur essendo riuscite ad ottenere un medico, non hanno certo le risorse per poter attuare gli alcol test.

UNA POSSIBILE SOLUZIONE - La soluzione a questo problema potrebbe pertanto essere una giusta via di mezzo. Il compromesso auspicabile apparirebbe quello di evitare controlli di massa ed esami generali, ma circoscrivere l’alcol test soltanto ai casi più critici in cui si segnala l’effettiva presenza di problematiche. Questo il parere di Alberto Cirio, assessore regionale all’Istruzione.

E tu hai mai notato strani atteggiamenti nei tuoi professori che potrebbero far pensare ad un loro abuso di alcol e sostanze stupefacenti?

Margherita Paolini

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta